Napoli, accusato di resistenza a Pubblico Ufficiale: assolto

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Tribunale di Napoli, quinta sezione penale, ha assolto con formula terminativa ampia, “perché il fatto non costituisce reato”, Mitrov Lobanosky, trentenne, di origini russe, residente a Napoli centro, incensurato.

L’uomo, difeso dall’avvocato Massimo Viscusi, del foro di Napoli, era imputato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale rispetto ad Agenti di Polizia.
I fatti risalgono a febbraio 2022, quando l’uomo, fermato da una volante per essere sottoposto a controllo, con conseguente irrogazione di una multa, si opponeva agli agenti con calci e pugni.

Tanto secondo l’editto imputativo.
Al termine della discussione del rito abbreviato, chiesto ed ottenuto dalla difesa, l’avvocato Viscusi, con la sua arringa, ha smontato il castello accusatorio, facendo constatare al Giudice come l’atteggiamento tenuto dal 30enne aveva connotati meramente passivi, non avendo altresì le offese minacciose coartato la volontà del P.U., essendo pertanto inidoneo alla configurazione del reato di resistenza.
Il PM nella requisitoria aveva chiesto un 1 anno e sei mesi di reclusione.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE