Napoli, auto esplosa in Tangenziale: sequestrato prototipo gemello

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ stata affidata ai magistrati della sesta sezione (lavoro e colpe professionali) della Procura di Napoli (coordinata dal procuratore aggiunto Simona Di Monte) l’indagine sullo scoppio e il successivo rogo dell’auto-prototipo avvenuto venerdì scorso sulla tangenziale di Napoli.

Un dirigente del Cnr è stato ascoltato oggi in procura a Napoli NAPOLI nell’ambito delle indagini sullo scoppio. Inoltre è stato disposto anche il sequestro di una vettura gemella a quella andata distrutta, una Volkswagen Polo Tdi, un prototipo utilizzato nell’ambito di un progetto denominato “Life-Save” finalizzato a testare la possibilità di abbinare un motore elettrico con batterie alimentate da pannelli solari a vetture dotate di un propulsore termico con l’obiettivo di ridurre le emissioni nell’ambiente.

Secondo quanto è emerso finora, a determinare la potente deflagrazione, che solo per un caso fortuito non ha coinvolto altre vetture, sarebbero state delle bombole il cui contenuto, al momento, rimane sconosciuto: sarà una relazione dei vigili del fuoco a fare luce sulla tipologia di gas che contenevano.

Il funzionario è stato interrogato stamattina dalla Polizia Stradale nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalla Procura di Napoli (sesta sezione, procuratore aggiunto Simona Di Monte). La vettura gemella di quella distrutta, che è stata sequestrata dalla Stradale a Fisciano, servirà per i successivi accertamenti che l’ufficio inquirente partenopeo potrebbe a breve affidare a dei consulenti.

Di questo progetto, secondo quanto si è appreso, si starebbe interessando un ex professore. L’obiettivo degli inquirenti è scoprire, ora, la ragione per la quale le bombole si trovassero a bordo della Polo, se la loro presenza fosse legata al progetto e se il loro trasporto stesse avvenendo in condizioni di sicurezza.

Nel grave incidente, che solo per puro caso non ha coinvolto anche altre vetture e sul quale sono in corso accertamenti della Polizia Stradale, sono rimasti gravemente feriti la ricercatrice 66enne del Cnr Maria Vittoria Prati, che era alla guida, e il 25enne Fulvio Filace, seduto sul lato passeggero (che ha subìto danni appena più lievi solo perché è riuscito a lanciarsi fuori dall’abitacolo) laureando in ingegneria e tirocinante presso lo stesso centro di ricerca.

Le loro condizioni sono giudicate gravissime dai sanitari del reparto grandi ustionati  dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

L’università di Salerno: “Veicolo non nostro”

 “L’Universita’ degli Studi di Salerno esprime piena vicinanza alla dottoressa Maria Vittoria Prati, prima ricercatrice del CNR, e allo studente Fulvio Filace dell’Universita’ degli Studi di Napoli Federico II – e alle rispettive famiglie – coinvolti nella tragica esplosione avvenuta lo scorso venerdi’ sulla Tangenziale di Napoli.

In riferimento alle notizie apparse sugli organi di stampa, l’Ateneo si vede costretto a chiarire con fermezza che il veicolo oggetto del tragico evento non e’ di proprieta’ dell’Universita’ degli Studi di Salerno, ne’ e’ stato affidato all’Universita’ degli Studi di Salerno per le prove su strada”.

E’ quanto si legge in una nota stampa dell’Universita’ di Salerno. “L’Ateneo, inoltre – viene aggiunto – non e’ partner del progetto LIFE-SAVE (Solar Aided Vehicle Electrification), nell’ambito del quale e’ stato sviluppato il veicolo citato dagli organi di stampa”.

“Gli studi condotti in passato all’Universita’ di Salerno hanno contribuito alle conoscenze di base necessarie per lo sviluppo di veicoli ibridi solari, successivamente applicate con obiettivi industriali da aziende spin-off non partecipate dall’Ateneo e attualmente societa’ commerciali autonome”, prosegue la nota in cui l’ateneo fa sapere che “si riserva di agire in tutte le opportune sedi per tutelare i propri interessi istituzionali e la propria immagine”.


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui


Il Terebinto Edizioni è lieto di annunciare l'undicesima puntata del Caffè Letterario. Riscontri d'Autore, la rassegna avellinese che si è affermata tra i più prestigiosi incontri culturali della provincia irpina, offre uno spazio di dialogo e confronto tra autori e appassionati di letteratura, storia e filosofia. Il prossimo appuntamento si terrà...
La Commissione parlamentare Antimafia ha richiesto alla Procura di Avellino, guidata da Domenico Airoma, gli atti dell'inchiesta che ha portato all'arresto del sindaco dimissionario Gianluca Festa, dell'ex dirigente comunale Filomena Smiraglia e dell'architetto Fabio Guerriero. Festa è accusato di una serie di gravi reati, tra cui corruzione, concorsi truccati, irregolarità...
Oroscopo di oggi 20 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete (21 marzo - 19 aprile) Oggi potrebbe essere una giornata particolarmente produttiva per te, Ariete. Il tuo pianeta governante, Marte, potrebbe darti una spinta di energia extra. Approfitta di questa carica per concentrarti su importanti progetti o...
Si è spento a Roma all'età di 88 anni Italo Ormanni, magistrato di lungo corso e figura di grande spessore culturale. Noto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma televisivo "Forum", Ormanni ha dedicato la sua vita alla lotta contro la criminalità e alla valorizzazione del patrimonio...

IN PRIMO PIANO