Napoli, proroga pensionamento dei medici oltre i 70 anni: la protesta della Fimmg

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Proroga pensionamento medici. Per applicare il decreto milleproroghe, le Aziende Sanitarie Locali stanno per me mettere a rischio la continuità dell’assistenza medica ai cittadini in Campania, arrecando danni ai medici e agli assistiti Ci sono, tuttavia, giovani medici in attesa di convenzione generale e pediatri di libera scelta pronti a prendere servizio”.

E’ la denuncia di Salvatore Caiazza segretario della Fimmg Napoli, che poi aggiunge:

“Le Aziende Sanitarie Locali Campana rischiano di compromettere la continuità dell’assistenza medica ai cittadini, arrecando danno a medici e assistiti.



    Così nella nota dello scorso 27 marzo l’Avv. Postiglione, Responsabile della Direzione della Tutela della Salute e Coordinamento del Sistema Sanitario regionale di Regione Campania, si rivolge ai Direttori Generali delle sette AASSLL campane riguardo l’applicazione della suddetta Legge”.

    Dice ancora Caiazza nella sua lettera di protesta: “La Regione Campania è stata più che chiara: raccomanda l’applicazione in assenza di offerta di personale medico convenzionato collocabile, proprio come recita la norma. In Campania, allo stato attuale, l’offerta dei medici non è ancora assente.

    Anzi! Giovani medici, in attesa di convenzione in medicina generale e pediatria di libera scelta a tempo indeterminato, sono pronti a prestare il proprio servizio per evitare di lasciare la Cittadinanza senza assistenza.

    Eppure, nonostante ciò, qualche azienda campana ha accolto la domanda di proroga di pensionamento, nonostante non fossero presente le condizioni, poiché in quegli ambiti territoriali sono presenti medici che possono acquisire ancora scelte e/o non si sono banditi incarichi di medicina generale provvisori, come recita l’Accordo Collettivo Nazionale della Medicina Generale articolo 37; ciò comporta la violazione della Legge stessa che norma la proroga dei pensionamenti e l’ACN”.

    E poi la considerazione: “La conseguenza di tutto ciò potrebbe essere una serie di procedimenti amministrativi con il rischio che il medico settantenne, nonostante il sacrificio a cui si è sottoposto, debba poi restituire gli stipendi in caso di condanna da parte della Corte due Conti.

    Pare che alcune Aziende non colgano che le normative in supporto all’ACN siano per tamponare una eventuale carenza assistenziale e non per mettere in condizione medici di dover prolungare l’attività convenzionale per altri due anni.

    Ciò, oltre ad arrecare un danno economico a medici che hanno maturato il diritto di acquisire un maggior numero di scelte e a medici di poter aver assegnato un incarico provvisorio, sarebbe deleterio per gli assistiti che possono, nei territori campani, avere a disposizione medici giovani, che hanno competenze maggiori per tecnologie informatiche, che oramai sono diventate indispensabili nella quotidiana attività medica.

    A tal proposito lo scorso 11 maggio l’ASL Napoli 2 Nord nel comitato aziendale articolo 12 si è espresso proprio come la Legge recita: “il Dr. Antonio Cajafa, Direttore UOC Cure Primarie ASL Napoli 2 Nord, come si può leggere da verbale del comitato, comunica ai presenti che ha già deliberato la proroga numero 2 medici e nella stessa delibera aveva precisato che la suddetta proroga poteva essere revocata sia per la nomina del titolare e sia per parere negativo espresso dal comitato. Dopo ampia discussione per tale problematica il comitato decide di adottare la seguente procedura:

    • quando un MMG chiede la proroga fino al compimento dei 72 anni , la UOC cure Primarie valuta la possibilità che eventuale carenza assistenziale non sia assorbibile dagli MMG in carico nello stesso ambito comunale (massimale 1500 assistiti);

    • dopo tale verifica qualora l’esito fosse negativo la UOC Cure Primarie provvederà a bandire una zona carente provvisoria per almeno 1 anno, fatto salva l’assegnazione da parte della regione della carenza.

    • All’esito negativo della suddetta verifica potrà prorogare l’incarico al MMG fino al compimento dei 72 anni, revocando la proroga ad horas qualora venga assegnata la carenza dalla Regione Campania.”

    Si auspica che tutte le Aziende Sanitaria Locali (ASL) dei territori campani deliberino omogeneamente all’ASL Napoli 2 Nord, che ha compreso bene la nota regionale, applicando la legge come è stata concepita dal Legislatore, onde evitare futili e inutili contenziosi legali e danno ai Cittadini campani, già martoriati per numerose criticità in ambito sanitario, così come è successo in un passato prossimo dove i Cittadini venivano costretti a dover effettuare la scelta del medico provvisorio, piuttosto che essere assegnati d’ufficio come la normativa vigente impone, così come tali incarichi non venivano immediatamente revocati, all’arrivo del medico titolare di incarico a tempo indeterminato, violando ulteriormente l’Accordo Collettivo Nazionale della Medicina Generale.

    Un’unica raccomandazione a Regione Campania è quella di accelerare le procedure di assegnazione degli ambiti carenti di medicina generale, affinché i nuovi medici possano essere operativi prima della pausa estiva di agosto, onde evitare che i pazienti affetti da patologie croniche, che sono gli assistiti più fragili, rischino di restare sprovvisti del proprio medico di fiducia”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Francesco Calzona, il tecnico del Napoli, ha annunciato che la squadra si preparerà per la partita di domenica con un allenamento nello Stadio Diego Armando Maradona, iniziando alle 11 del mattino. L'informazione è stata confermata da Manuel Parlato, giornalista Sportitalia, noto per le sue esclusive sugli eventi di calcio. Parlato ha...
    In occasione del 90° compleanno dell'iconica attrice italiana Sofia Loren, la città di Sorrento si prepara ad accogliere un evento straordinario che celebra la sua vita e il suo legame profondo con questa splendida località costiera. L'Associazione Piacere Sorrento, in collaborazione con la Galleria di Raffaele Celentano, LABout by Stylo...
    Nell'ambito dell'indagine sulla presunta truffa aggravata ai danni dell'INPS riguardante la cassa integrazione in deroga durante il periodo del Covid, Paolo Giuseppe Concordia è stato interrogato in Procura a Milano su sua richiesta. Concordia, collaboratore esterno con funzioni di gestione del personale di Visibilia Editore e Visibilia Concessionaria, è uno...
    Gianni Morandi, riesce sempre a sorprendere e allo stesso tempo preoccupare i suoi fans. Oggi con un post sui social è apparso bendato a un occhio. Dopo un piccolo intervento ambulatoriale, Morandi ha ironizzato dicendo "Ho fatto a pugni", scatenando la curiosità e l'ilarità dei suoi fans. La pubblicazione della foto...

    IN PRIMO PIANO