La federazione camorra Quartieri Spagnoli incassava 2 milioni di euro all’anno con la droga. TUTTI I NOMI

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono complessivamente 57 gli indagati del sistema camorra dei Quartieri Spagnoli i cui nomi compaiono nella 798 pagine dell’ordinanza cautelare firmata dal gip Carla Sarno del Tribunale di Napoli e che ieri ne ha spedito in carcere 54. Tutti facenti parte dei tre gruppi che federandosi tra di loro da anni controllano tutte le attività illecite , e non solo, della mala Napoli a ridosso di via Toledo.

PUBBLICITA

Le indagini della Dda di Napoli (pm Celeste Carrano e Urbano Mozzillo), e condotte da carabinieri e polizia si sono avvalse anche dei raccOnti e poi dei successivi riscontri di ben 11 collaboratori di giustizia tra cui lo storico capo clan Marco Mariano e il suo braccio destro Maurizio Overa.

Il sistema camorra Quartieri Spagnoli è stato capace di produrre un volume d’affari giornaliero stimato dalla Squadra mobile e dai carabinieri di Napoli tra 4.000 e 4.700 euro – circa due milioni all’anno grazie alla cosiddetta piazza di spaccio “della Sposa” in vico Canale a Taverna Penta, nel Quartieri Spagnoli di Napoli.

    Qualche anno fa la piazza di spaccio “della sposa” si era guadagnata la ribalta delle cronache sul web anche per essere stata erroneamente registrata su Google Maps come un’attività commerciale. A gestire il fiorente smercio della droga è il gruppo malavitoso facente capo a Carmine Furgiero. Le consegne avvenivano attraverso il cosiddetto “posto fisso” (il cliente acquista la sostanza stupefacente in loco) ma anche a domicilio. A tenere sotto controllo l’attività ci sono “sentinelle” a piedi e su scooter, pronte a segnalare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine.

    Piazze spaccio h24 nei Quartieri Spagnoli

    La regola era molto rigida ma efficace: se un cliente subiva il sequestro della droga e non faceva il nome del pusher o indicava la piazza di droga dove aveva comprato la dose poteva essere risarcito. Presentando il verbale di sequestro al pusher lui restituiva la dose persa.

    Un mostro a quattro teste, un gruppo criminale potente che si appoggiava da una parte ai Mazzarella e dall’altra ai Contini. Quindi a ridosso di via Toledo, non distante dal murales di Maradona c’erano piazze di spaccio che operavano h24. Il primo gruppo e’ capeggiato da Eduardo Saltalamacchia, da Vincenzo Masiello, e da Antonio Esposito.

    Questo gruppo era debito in particolare alle estorsioni e allo spaccio tra le zone della Pignasecca, di largo Baracche e della Speranzella. Un altro gruppo criminale faceva capo al pregiudicato Carmine Furgiero, alias “o’pop”, e al figlio Luigi. Anche loro gestivano un fiorente traffico di stupefacenti nella zona di vico Canale a Taverna Penta.

    Le indagini hanno ricostruito anche attraverso le immagini di sistemi di videosorveglianza la frenetica attivita’ di vendita al dettaglio della droga nella piazza soprannominata “della sposa” e ancora e’ stato dimostrato come lo stesso gruppo criminale, quello dei Furgiero, si avvalesse di numerosi pusher che, a seguito di contatti telefonici, provvedevano a recapitare le dosi di stupefacente a domicilio, direttamente nelle abitazioni dei clienti.

    Cocaina contrassegnata “Adidas” o “Rolex” secondo la qualità

    I panetti di cocaina contrassegnati con il simbolo Rolex sono di qualità superiore rispetto a quelli con il marchio Adidas. La circostanza emerge da una conversazione registrata a casa di Vincenzo Masiello, capo di uno dei tre gruppi appartenenti al cosiddetto “triumvirato” malavitoso.

    “Ma mica è Adidas”, dice uno degli interlocutori di Masiello. E lui risponde: “Nooo… quando mai… guarda qua… lo vedi come scende? La consistenza…”. Dal tenore si evince che l’interlocutore di Masiello è uno conosce bene quali sìano i canali di approvvigionamento e gli consiglia di rivolgersi a quelli di Torre Annunziata che vendono la cocaina a 32-33 euro al grammo. Inoltre sono anche in grado di fargliela arrivare attraverso un corriere. Droga che Masiello avrebbe potuto smerciare ai grossisti della sua zona a prezzi vantaggiosi.

    TUTTI GLI INDAGATI

    1.AGYEN Richard Ronald, nato a Napoli il 19.12.1993,  detto “Cristian”
    2. ALBINNI Emanuele, nato a Napoli il 12. 9. 98
    3. AULETTO Giuseppe, nato a Napoli il 22.05.1975, detto “Pepp a’ zecc”;
    4. AVOLETTO Gaetano, nato a Napoli 30. 05.1968;
    5.AVOLETTO Gennaro, nato a Napoli il 01.11.1987, detto “Gennarone”;
    6.BOCCIA Antonio, nato a Napoli il 26.8.1978,
    7.BURRACCIONE Ciro, nato a Napoli 01.08.1980, detto “Ciro Ciro”;
    8.CANGIANO Lorenzo, nato a Napoli il 14.07.1969, detto “o’ Pop falso”;
    9.CAPASSO Massimo, nato a Napoli il 06.02.1974
    10.CATALANO Dario, nato a Napoli il 10.09.1976.
    11.CHIANTESE Stefano, nato a Pozzuoli il 06.06.1997,
    12. CIOTOLA Roberto, nato a Napoli il 19.08.1990, detto “o’Merlo”;
    13. CIVITELLI Giovanni, nato a Napoli i/15.10.1986.
    14. D’ALESSANDRO Michele, nato a Acerra il 19.11.1993,, detto “o’ Principino”;
    15. D ‘AVINO Vincenzo, nato a Napoli il 27. 09. l 997,
    16. DE GAETANO Giancarlo, nato a Napoli il 29.03.1980
    17. DEL SOLE Salvatore, a Napoli il 24/411990,
    18. DELLE ROSSE Mariano, nato a Napoli il19.07.1972,
    19. EGIDIO Carmine, nato a Napoli il 5.8.88;
    20. EGIDIO Luigi, nato a Napoli il 28.12.1960 detto “Gigino o’ Gobett”;
    21. ESPOSITO Antonio, nato a Napoli il 12.05.1983,  detto “o’ Figlio ro Pallino”.:
    22. ESPOSITO Gaetano, nato a Napoli il 05.02.1978
    23. FOGLIA Vincenzo, nato a Napoli il 07.05.1976,
    24. FURGIERO Carmine, nato a Napoli i/14.12.1967, detto “o’ Pop”;
    25. FURGIERO Luigi, di Carmine, nato a Napoli i/30.04.1984, detto ”Gino”;
    26. GAUDINO Luigi, nato a Napoli il 18.08.1966, detto “Giggione “;
    27. IASELLI Giuseppe, nato a Napoli il 09.02.2000
    28. IROLLO Emanuele, nato a Napoli il 24.09.1992,
    29. LO VASCO Maria, nata a Palma di Montichiari (Ag) il 20.03.1955, detta “Mimì “,·
    30.MARINELLI Francesco, nato a Napoli il 26. 04.1988;
    31. MARINELLI Emanuele, nato a Napoli 25.12.1991,
    32.  MASI Domenico, NMATO A NAPOLI 23. 09. 1988
    33.MASIELLO Antonio nato a Pozzuoli il 22.12.1964 detto “o’ No”;
    34. MASIELLO Ciro, nato a Napoli il 22.12.1995.:
    35. MASIELLO Gennaro, nato a Napoli il 11.12.1990,·
    36. MASIELLO Gaetano, nato a Napoli il 13.10.1959, detto “Fossett”;
    37. MASIELLO Luciano, nato a Napoli il 18.05.1954
    38. MASIELLO Vincenzo, nato a Napoli il 02.04.1991 detto “o’ Cu Cu “,·
    39. MASSA Vincenzo, nato a Napoli l 1.12.1979, detto “Enzo Renis ”,·
    40. MAZZARELLA Leonardo, nato a Salerno il 16.09.1991, residente a San Mauro Cilento
    41. MAZZOCCHI Salvatore, nato a Napoli il 26.11.1994,
    42. MORRONE Tonia, nata a Napoli il 24.5.88,
    43. MOSCHINO Antonio, nato a Formia il 241711995, detto “Pastore”,·
    44. PAPI Elio, nato a Napoli il 26.01.1988,
    45. PESCE Paolo, nato a Napoli i/29.05.1964, detto “o’ Chie Pep”;
    46. PICCO Arturo, nato a Napoli il 19.09.1989,
    47. POMIDORO Antonio, nato a Napoli il 25.08.1990,
    48. PROVENZANO Maurizio, nato a Napoli il 30.06.1992;
    49. PUGLIESE Carmine, nato a Napoli il 24.08.1990,
    50. PUNZO Giovanni, nato a Napoli il 3O. O1.1971;
    51. ROMANO Alessandro nato a Napoli il 18.12.1979,
    52. ROSSI Giuseppe, nato a Napoli il 05.()2.1994,  detto “o’Boxer”;
    53. SALTALAMACCHIA Eduardo, nato a Napoli il 29.10.1982,
    54. STESINO Luigi, nato a Napoli il 25.()6.1954,  detto “o’ Ciucc”;
    55. TESEMA Alula, nato a Napoli il 24.10.1990, detto “Alessandro”,·
    56. TUCCI Giovanni, nato a Napoli il 06.12.1986;
    57. VITRANO Fabio, nato a Napoli 16.01.1970;
    58. ZAPPELLA Giuseppe, nato a Napoli il 04.03.1986, detto “Pippo ”

    (nella foto Eduardo Saltalamacchia, Vincenzo Masiello e Carmine Furgiero)

    LEGGI ANCHE

    Napoli, coppia di fidanzati morti a Fuorigotta: autista indagato per omicidio stradale

    E' indagato per omicidio strale il 34enne di Napoli che era alla guida della Audi con targa estera che stanotte in via Terracina, poco...

    Preside Iti Caivano: ‘Studiate qui, non andate all’estero’

    "Venite a studiare qui, non andate all'estero, riprendiamoci ciò che è nostro", perché "si può cambiare". Lo ha affermato Eugenia Carfora, preside dell'Iti e Alberghiero...

    Napoli, scontro auto moto in via Terracina: morti 2 giovani

    Sono due giovanissimi - un ragazzo di 23 anni ed una ragazza di 20 - le vittime di un grave incidente avvenuto la scorsa...

    IN PRIMO PIANO