IL CASO

Guardalinee denuncia Rocchi, Orsato e Valeri: procura FIGC apre inchiesta sull’AIA

SULLO STESSO ARGOMENTO

La procura della Figc ha aperto una inchiesta partita a seguito di una denuncia del guardalinee Pasquale De Meo, che ha al centro i comportamenti del responsabile della Can A e B, Gianluca Rocchi, e degli arbitri Daniele Orsato e Paolo Valeri. A riportarlo è l’ANSA.

La vicenda sarebbe partita dalla denuncia dello stesso De Meo, che aveva messo a verbale, come da procedura, le critiche dell’osservatore arbitrale di Milan-Empoli dello scorso 7 aprile nei confronti dei vertici Aia durante la presidenza Trentalange. Da quel gesto sarebbero scaturiti una serie di colloqui tesi con Rocchi, il designatore, e Orsato.

Su tutta la vicenda ora sulla base della denuncia il procuratore Figc, Giuseppe Chinè, ha aperto un fascicolo. L’inchiesta è mossa da due distinte denunce arrivate alla Procura di Chinè: da un lato quella del comitato nazionale dell’Aia e dall’altro dello stesso Rocchi. Sulle due versioni comunque è in corso l’indagine della Procura.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

"Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE