L'INTERVISTA

Spalletti frena: “Mattone pesante per lo scudetto, ma aspettiamo a far festa…”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Luciano Spalletti non nasconde la gioia per il grande risultato ottenuto dal suo Napoli allo Stadium contro la Juve, ma frena prima di parlare di scudetto. Ecco le sue dichiarazioni ai microfoni di DAZN dopo lo 0-1 firmato Raspadori.

PUBBLICITA

Spalletti: “La festa? Mattone pesante, ma aspettiamo ancora…”

Il tecnico ha parlato dei festeggiamenti all’interno degli spogliatoi: “Quando vinci partite importanti come queste con un avversario così e hai quella classifica, sono mattoni pesanti per la vittoria finale. Giustamente i calciatori hanno fatto un po’ di festa”.

“Una vittoria nel recupero rende ancora più felici, ma dobbiamo aspettare a stappare bottiglie e cuori – ha aggiunto -. Ci vuole ancora un po’ di tempo. Io ai ragazzi ho detto cose normali, ho fatto i complimenti. Hanno reagito bene dopo i pensieri e la fatica per l’eliminazione dalla Champions“.

    “Se si è tutti insieme e tutti bravi le gioie sono il doppio e la sofferenza la metà. Tutti insieme”, ha aggiunto il tecnico del Napoli che spesso ha avuto confronti con la stampa: “A volte si fa per difendere delle situazioni, è dentro il gioco di difendere la propria squadra e la voglia di andare a fare risultato”.

    Spalletti: “Fatto la partita che volevamo, primo posto meritato”

    “Abbiamo giocato la partita che volevamo per andare a fare risultato, anche se a volte ci sono degli episodi non voluti. Ma se fai sempre il tuo alla fine vieni premiato. Abbiamo fatto delle cose buone per meritare questo posto in classifica”.

    Spalletti ha poi parlato del suo cammino “mai in prima classe” ma “sempre con l’autostop. Trovarsi qui nelle condizioni di vincere lo scudetto ti ripaga dei sacrifici fatti. Io come tanti altri siamo partiti da una condizione normale e quando arrivi al massimo c’è soddisfazione”.

    “Sono stato preso in giro perché avevo le scarpe da gioco in panchina, ma so quanto ho sofferto quando ero piccolo per averle. Ora me le metto. Fai una strada più difficile rispetto a chi parte da livelli differenti. Ma è giusto anche per loro, se lo sono meritato per la loro carriera da calciatori e si sono guadagnati stima e conoscenza per allenare in Serie A”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui





    Un'equipe di chirurghi dell'Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, guidata dal Dott. Roberto Sanseverino, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Generale dell'ASL Salerno, ha eseguito un intervento chirurgico di eccezionale complessità per rimuovere un tumore di quasi 5 kg da un paziente di 63 anni. L'operazione,...

    Prossima Partita

    Classifica

    IN PRIMO PIANO

    Ultime Notizie

    Napoli-Barcellona, corse extra metropolitana dopo la partita

    Dopo la partita di calcio Napoli-Barcellona, sono previste corse straordinarie della Linea 2 della metropolitana. Il match di andata degli ottavi di finale di Champions League tra Napoli e Barcellona si terrà domani mercoledì 21 febbraio alle ore 21 allo stadio Diego Armando Maradona. In seguito all'accordo tra Trenitalia, Regione Campania e Comune di Napoli, sono state programmate 7 corse...