Raffica di controlli in mare a Napoli: 100 sanzioni su 353 natanti

Napoli. Intensi controlli nel golfo di Napoli durante il...
LA SVOLTA

Pontecagnano, uccisa e sotterrata in montagna: arrestati gli assassini di Marzia Capezzuti

SULLO STESSO ARGOMENTO

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Salerno hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse, una dal gip del Tribunale ordinario e l’altra da quello per i Minorenni di Salerno, su richiesta delle rispettive Procure, nei confronti di tre persone.

PUBBLICITA

I destinatari, tra cui una donna, sono accusati, a vario titolo, di maltrattamenti, tortura ed omicidio. I provvedimenti scaturiscono dalle indagini sulla scomparsa di Marzia Capezzuti, 29enne milanese, nel mese di marzo 2022, dal comune di Pontecagnano Faiano.

I resti di un corpo, che si presume appartenessero alla giovane, furono trovati il 25 ottobre scorso in un casolare di Santa Tecla, nel comune di Montecorvino Pugliano. Il caso di Marzia Capezzuti ha assunto a lungo i connotati di un giallo.

I carabinieri, dopo mesi di indagini, riuscirono ad individuare il punto nel quale, secondo l’accusa, fu abbandonato il cadavere. Il caso è stato a lungo seguito anche dalla trasmissione “Chi l’ha visto” che, in diverse puntate, ha ospitato in collegamento i genitori della 29enne.

 La ragazza era stata segregata in casa e costretta a violenze

La Procura di Salerno aveva da tempo aperto un’inchiesta per omicidio e occultamento di cadavere, indagando anche alcuni familiari del fidanzato di Marzia, deceduto nel 2019. La ragazza, infatti, era rimasta a Pontecagnano Faiano anche dopo la scomparsa del compagno ma, secondo l’accusa, sarebbe stata segregata in casa e avrebbe subito continue violenze.

Proprio durante una puntata di “Chi l’ha visto”, fu mostrata una foto scattata da un cittadino, nella quale Marzia appariva con il volto pieno di lividi e con macchie di sangue. Uno scatto che risalirebbe a pochi mesi prima della scomparsa avvenuta il 7 marzo del 2022. Ora, a distanza di oltre un anno, Procura e carabinieri sono arrivati ad una svolta nelle indagini con l’esecuzione di tre misure cautelari, di cui una a carico di un minorenne.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE