Scontri Paganese Casertana con bus in fiamme, sono 200 gli indagati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono quasi 200 le persone indagate dalla Procura di Nocera Inferiore – pm Angelo Rubano – per gli incidenti scoppiati il 22 gennaio scorso a Pagani (Salerno) prima della gara di calcio di serie D tra Paganese e Casertana.

Tifosi Paganese diedero alle fiamme a bus dei casertani

Nel corso dei disordini i tifosi di casa diedero alle fiamme, a poca distanza dallo stadio, un bus dei supporter casertani, che riuscirono a salvarsi scendendo di corsa dal mezzo; ci furono poi dei tafferugli tra le due tifoserie sedati a fatica dalle forze dell’ordine.

Cinque i feriti, tra cui anche un carabiniere; ad essere danneggiato dal bus in fiamme anche un palazzo.

    Indagati oltre 200 tifosi per i disordini di Pagani

    Tra gli indagati per lesioni colpose, rissa, incendio e altri reati, gli ultras e i tifosi della Paganese identificati prima e dopo l’assalto al bus, effettuato con pietre, bastoni e fumogeni, ma anche alcuni dei circa 150 tifosi casertani arrivati a Pagani, che presero parti agli incidenti successivi all’assalto.

    Due giorni dopo i fatti, nove tifosi – sette della Paganese e due della Casertana – finirono agli arresti domiciliari.

    Sulla vicenda intervenne anche il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, che condannò le violenze dei tifosi e garantì che avrebbe raccomandato agli organismi che si occupano di gestione delle partite dal punto di vista dell’ordine pubblico, “di mantenere un’attenzione molto alta”.

    “Talvolta quando ci sono segnali premonitori di queste violenze dobbiamo avere la capacità di evitare che si verifichino”.

    Tra le parti offese il titolare del bus distrutto dai tifosi, l’imprenditore casertano Antonio Mataluna (difeso dagli avvocati penalisti Raffaele e Gaetano Crisileo e dal civilista Antonio Ventrone), che torna su quanto accaduto. “Poteva essere una strage”, dice Mataluna.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE