soresa
Pubblicitasoresa

Elly Schlein a sorpresa nuova segretaria del Pd

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Partito Democratico ha la prima segretaria donna e femminista.

Cosi’ ama definirsi Elly Schlein, “l’anti-Meloni” scelta da Enrico Letta per chiudere la campagna elettorale delle politiche. Un’ascesa vertiginosa, quella della neo segretaria, passata direttamente dalla vice presidenza della Regione Emilia-Romagna alla Camera e, ora, al Nazareno.

La piu’ giovane segretaria che il partito abbia mai avuto. Il tutto nel giro di cinque mesi. E pensare che fino a poco fa, Elly Schlein non era nemmeno una iscritta al Pd. Ne era uscita in dissenso dalla linea della segreteria Renzi e ci e’ voluto un congresso costituente per permetterle di rientrare in tempi record.


    Con Schlein, il Partito Democratico si avvia a “fare la sinistra”, come la deputata ha continuare a dire per tutta la campagna congressuale. Elly, all’anagrafe Elena Ethel Schlein, e’ nata nel 1985 a Lugano da una famiglia di accademici. La madre, l’italiana Maria Paola Viviani Schlein, e’ stata preside della facolta’ di Giurisprudenza dell’Universita’ degli studi dell’Insubria.

    Il padre, lo statunitense Melvin Schlein, e’ professore emerito di Scienze politiche e ha un passato da assistant director nella sede bolognese della Johns Hopkins University. Scuole ad Agno, comune svizzero di 4.518 abitanti del Canton Ticino, maturita’ a Lugano, la segretaria del Pd ha studiato al Dams di Bologna per poi passare a Giurisprudenza.

    Si definisce una nerd, appassionata di videogiochi e cinefila, amante dell’indie-rock statunitense, per due volte volontaria negli Usa per le campagne elettorale di Barack Obama.

    Nel Pd ci nasce, politicamente. Di area civatiana, nel 2013 e’ l’ideologa di Occupy Pd, movimento che si oppone ai 101 franchi tiratori che fermano la corsa di Romano Prodi al Quirinale. Nel 2014, con Matteo Renzi segretario, viene eletta al Parlamento Europeo con oltre 50 mila preferenze.

    Con il rottamatore, tuttavia, non c’e’ feeling: “Me ne sono andata dal partito per scelte come la Buona scuola, la riforma della Costituzione, lo Sblocca-Italia, tre voti di fiducia sulla legge elettorale. Anche sul clima il Pd e’ mancato: non e’ piu’ il tempo delle mezze parole, le battaglie vanno fatte fino in fondo: dunque, no al consumo di suolo”, ricorda la segretaria dem. Nel 2015, quindi, Schlein approda a Possibile, ma nel 2019 si rompe il sodalizio con Civati ed Elly inizia a ballare da sola.

    Alle porte ci sono le Regionali in Emilia-Romagna, la sinistra che accompagna Stefano Bonaccini cerca un volto. Schlein diventa la capolista di Coraggiosa, rassemblement di sinistra che ha tra gli sponsor anche l’ex governatore Vasco Errani. La lista non arriva al 4%, ma Schlein – complici un video virale in cui incalza Matteo Salvini, un forte investimento sui social e il favore delle Sardine – supera le 22 mila preferenze su tre province.

    Il salto alla vicepresidenza della Regione e’ scontato. Da vice di Bonaccini comincia a comparire negli studi dei principali talk-show, fa coming out: “In questo momento sto con una ragazza e sono felice”. L’Espresso le dedica una copertina da possibile leader di una futura Cosa Rossa. Dopo la nascita del governo Draghi e le dimissioni di Nicola Zingaretti da segretario del Pd, e’ lei a fare il primo passo: “Diamoci un appuntamento”.

    Lancia l’appello nel marzo 2021 alla galassia della sinistra, specificando che “la soluzione non e’ rientrare in un Pd in grande confusione”. Andra’ diversamente. Alle elezioni politiche sceglie di correre col Pd in Emilia-Romagna, blindata nel listino proporzionale. Veste i panni dell’anti-Meloni: “Sono una donna. Amo un’altra donna e non sono una madre, ma non per questo sono meno donna”, dice dal palco di Piazza del Popolo a Roma ribaltando l’iconico discorso della leader di Fratelli d’Italia.

    Dopo la sconfitta e le conseguenti dimissioni di Letta, il nome di Schlein viene dato in pole per la segreteria. Accanto a quello del ‘suo’ presidente: Stefano Bonaccini. E’ il derby della via Emilia. Ma Schlein non e’ ancora iscritta: si candida a Roma, prende la tessera alla Bolognina, il circolo della Svolta di Occhetto, incassa il sostegno di buona parte della sinistra dem e di Articolo Uno.

    Il voto tra gli iscritti conferma le attese: tocca a lei sfidare Bonaccini alle primarie. Nessuno e’ mai riuscito nel ribaltone: i gazebo hanno sempre confermato il vincitore nei circoli.

    Elly Schlein: “E’ nostro tempo, realizzato sogno insieme ma è solo inizio“

    “E’ il nostro tempo, ci abbiamo creduto così forte che abbiamo realizzato un sogno insieme, ma facciamo in modo che sia solo l’inizio”. Così Elly Schlein, eletta segretaria del

    E poi ha aggiunto: “Voglio ringraziare il segretario uscente Enrico Letta, che ho sentito poco fa e a tutta la segreteria. Domani ci accorderemo per il passaggio di consegne. Ringrazio tutti gli iscritti, i volontari e il mio staff, senza il quale non ce l’avrei fatta”.

    “Un messaggio molto forte e caloroso lo voglio mandare a Stefano Bonaccini. Ringraziandolo e facendogli i complimenti e ringraziandogli per il confronto molto alto e rispettoso che abbiamo avuto. Lavoreremo insieme per l’unità del paese e ndel partito, non possiamo permetterci altro. Sarò la segretaria di tutti”.

    Elly Schlein. “Saremo un bel problema per la Meloni”

    “Saremo un bel problema per il governo e per Giorgia Meloni, perchè adesso il nostro impegno è quello per organizzare l’opposizione nel Parlamento e nel Paese. Saremo quel partito che non si dà pace finchè non avrà abolito la precarietà. Da domani al lavoro tutti insieme nell’interesse del Paese”.

    LEGGI ANCHE

    Parla male di Giulia, la moglie lo riprende e lui l’accoltella: arrestato

    Una donna è stata aggredita dal marito a Portogruaro, in provincia di Venezia, dopo aver risposto a un commento inappropriato dell'uomo sul femminicidio di...

    IN PRIMO PIANO

    LE NOTIZIE PIU LETTE

    Spalletti e Di Canio, lite furiosa in diretta a Sky: “Parla di Leao e della bandierina…”

    Lite furiosa tra Luciano Spalletti e Paolo Di Canio in diretta a Sky Sport nel corso dell'intervento post partita del tecnico degli azzurri. Il Napoli...

    Era senza patente la giovane mamma di Ponticelli che ha investito e ucciso la figlia di 7 anni

    Era senza parente e aveva deciso di provare a guidare Rosa Palma, 33 anni di Ponticelli, la giovane mamma separata che ieri ha investito...

    Napoli, boicottaggio non riuscito a Peppe Di Napoli

    Un boicottaggio non riuscito nei confronti del primo pescivendolo social napoletano nel giorno della super vendita delle cozze per la famosa e ormai immancabile...