🔴 ULTIME NOTIZIE :

Il killer della ‘ndrangheta aveva i documenti del fratello. I video della cattura

Era da solo davanti alla stazione e aspettava un taxi il killer della 'ndrangheta evaso da Milano nei giorni scorsi e catturato a Sant'Anastasia. Aveva il documento del fratello che gli somiglia.Attività tecniche e web patrolling hanno portato alla cattura dell’uomo. "Il killer della 'ndrangheta Massimiliano Sestito, evaso qualche giorno fa...

Nel covo di Messina Denaro magneti da frigo “Il padrino sono io”

Foto di animali feroci, magneti da frigorifero con l’immagine di un boss in smoking che […]

    Foto di animali feroci, magneti da frigorifero con l’immagine di un boss in smoking che ricorda Al Pacino ne “Il padrino” e sotto scritto “il padrino sono io”, la foto attaccata alla parete di Al Pacino, sempre nel film di Francis Ford Coppola: sono alcune delle cose trovate nel covo di vicolo San Vito a Campobello di Mazara in cui si nascondeva nell’ultimo periodo di latitanza il boss Matteo Messina denaro.

    Oltre ai pizzini, documenti e carte, dunque, i carabinieri del Ros hanno trovato una serie di oggetti che si richiamano alla celebre pellicola.
    Ed emerge che il boss in clinica, in ospedale, negli studi medici si presentava con il nome di Andrea Bonafede, ma a Campobello di Mazara, il paese in cui ha trascorso l’ultimo periodo della latitanza, il boss Matteo Messina Denaro utilizzava un nome diverso.

    Un’accortezza, confermata dagli investigatori, che l’avrebbe aiutato a condurre una vita praticamente normale. Presentarsi in un centro di piccole dimensioni con l’identità di uno degli abitanti di Campobello, il geometra Andrea Bonafede, che gli ha prestato identità e documenti per potersi sottoporre alle cure mediche, non era prudente.

    E avrebbe potuto esporlo a rischi. Gli investigatori stanno cercando di ricostruire l’ultimo periodo della latitanza – Messina Denaro sarebbe stato a Campobello almeno fin dal 2020 – comprese le generalità con le quali il boss si presentava alle persone e nei luoghi che frequentava in paese.

    Presentarsi in un centro di piccole dimensioni con l’identità di uno degli abitanti di Campobello, il geometra Andrea Bonafede, che gli ha prestato identità e documenti per potersi sottoporre alle cure mediche, non era prudente.

    E avrebbe potuto esporlo a rischi. Gli investigatori stanno cercando di ricostruire l’ultimo periodo della latitanza – Messina Denaro sarebbe stato a Campobello almeno fin dal 2020 – comprese le generalità con le quali il boss si presentava alle persone e nei luoghi che frequentava in paese.

    google news

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    A Pozzuoli al via ‘Rione Terra, oltre le mura’

    ''Rione Terra, oltre le mura" è il progetto varato dal Comune di Pozzuoli in collaborazione con l'Archivio di Stato di Napoli che ha l'obiettivo...

    Jabil, prosegue agitazione: “Azienda non ritira licenziamenti”

    La proroga di un mese della cassa integrazione con la contestuale sospensione dei licenziamenti per il medesimo lasso temporale non spegne la mobilitazione dei...

    Campania, parte il progetto Coreve e H-Farm dedicato agli studenti delle scuole campane

    Il Consorzio per il Recupero del Vetro lancia il primo programma strutturato per le scuole dedicato alla sostenibilità e all’economia circolare del vetro: un...

    Mann, mercoledì incontro su eredità del monachesimo italo-greco nel Mezzogiorno

    In occasione della mostra 'BIZANTINI: luoghi, simboli e comunità di un impero millenario', in programma al Museo Archeologico Nazionale di Napoli fino al 13...