🔴 ULTIME NOTIZIE :

Diffamazione a Salvini, a processo Roberto Saviano

Inizia mercoledì primo febbraio il processo che vede imputato lo scrittore Roberto Saviano per l'accusa di diffamazione ai danni di Matteo Salvini per alcun post pubblicati sui social. Il procedimento si svolge davanti al tribunale monocratico di Roma. La vicenda risale al 2018. "Mercoledì sarò in Tribunale, a Roma, portato...
google news

Melito, ras del clan Amato Pagano ucciso nel ristorante

Piombo indigesto, anzi mortale , al ristorante per il 57enne Gaetano Nappi. E’ lui la […]

    Piombo indigesto, anzi mortale , al ristorante per il 57enne Gaetano Nappi.

    E’ lui la vittima dell’agguato avvenuto ad ora di pranzo nel ristorante Gaetano e Teresa che si trova in via Lavinaio a Melito.

    L’uomo è ritenuto legato al clan Amato Pagano, detto degli scissionisti o degli spagnoli. Sono in corso indagini da parte dei carabinieri della compagnia di Marano per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

    Secondo le primissime ricostruzioni dei carabinieri il locale non era affollato ma qualcuno c’era. C’è stato un fuggi fuggi dei presenti. Qualcuno si è nascosto sotto i tavoli.

     Qualcuno ha avvertito i killer della sua presenza nel ristorante

    Gli investigatori ritengono che Nappi sia rimasto vittima di una epurazione interna al clan di camorra al quale era legato. Qualcuno deve avere avvertito i killer della sua presenza nel ristorante ed è scattato l’agguato mortale.

    Vincenzo Nappi, conosciuto con il soprannome di ‘o pittore’, uno dei referenti di spicco degli Amato-Pagano. Nappi si occupava di estorsioni ma principalmente degli affari legati al ‘mattone’. Costruzioni di case e villette.

     Vincenzo Nappi ‘o pittore era legato al boss Mariano Riccio

    E in tal caso, ricorda il pentito Biagio Esposito “incaricava un suo uomo per ottenere permessi al comune di Melito”. Nappi era stato arrestato nel 2011 dopo 3 mesi latitanza, perche’ sfuggito a un blitz dei carabinieri, ma era attualmente libero. Era ritenuto uomo di fiducia del boss Mariano Riccio, e bersaglio di Carmine Amato, che i pentiti indicano come mandante di una ‘condanna a morte’ nei suoi confronti che pero’ non era stata eseguita.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    LE ALTRE NOTIZIE