Il Palazzo Reale di Napoli apre l’Androne delle Carrozze

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Palazzo Reale di Napoli apre l’Androne delle Carrozze Con una mostra documentaria su danni di guerra e restauri.

Una storia per immagini dal 1943 agli anni Cinquanta”, curata da Stefano Gei e Antonella Delli Paoli, si è inaugurato a Napoli un nuovo spazio espositivo ricavato dall’apertura del collegamento tra il Cortile d’Onore e il Cortile delle Carrozze, finora utilizzato per funzioni tecniche e come deposito, riqualificato e ribattezzato ‘Androne delle Carrozze’. Oltre cento le riproduzioni provenienti da alcuni dei più importanti archivi fotografici napoletani (Soprintendenza, Vigili del Fuoco e Archivio Parisio); i lavori sono documentati da una selezione di riproduzioni dei disegni dell’archivio della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli. In mostra anche riproduzioni di foto e documenti dalla U.S. National Archives and Records Administration e dalla Allied Control Commission di Washington.

“Con questa apertura viene offerto alla pubblica fruizione un ulteriore spazio storico del Palazzo dopo quello della Galleria del Genovese – ricorda il direttore Mario Epifani -. Anche l’Androne sarà destinato all’allestimento di piccole mostre, di preferenza fotografiche, con accesso gratuito tutti i giorni della settimana. E’ un’anticipazione del ‘Museo della Fabbrica’, spazio introduttivo alla visita dell’Appartamento Storico, con modellini, dipinti, foto storiche e documenti”. Per il soprintendente Salvatore Buonomo “il periodo della ricostruzione post-bellica offre, nel campo della conservazione, molti spunti di riflessione sulle metodologie adottate e su quanto le teorie del restauro ponevano a servizio degli operatori”.

    Almerinda Padricelli, architetta responsabile progetti e lavori di Palazzo Reale, sottolinea che “il recupero dell’Androne delle Carrozze ha consentito il ripristino del collegamento tra i due cortili del Palazzo, attraverso un passaggio di circa 200 mq coperti. I lavori di restauro sono stati effettuati in soli 2 mesi con un impegno economico di 130 mila euro”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE