google news

Protesi dentali, quali sono quelle di ultima generazione

La perdita di uno o più denti all’interno della bocca è un problema di non poco conto tanto in età adulta quanto, se non soprattutto, tra i più giovani. Possono […]

    La perdita di uno o più denti all’interno della bocca è un problema di non poco conto tanto in età adulta quanto, se non soprattutto, tra i più giovani. Possono essere molteplici le cause, dai traumi fino ad infezioni acute del cavo orale passando per una perdita dovuta all’avanzare dell’età. La risposta dell’odontoiatria a questo genere di problematiche è sempre stata quella di rivolgersi ad una protesi dentale che andasse a ricostruire in modo artificiale il dente mancante.
    Si parla nello specifico di un dispositivo medico che va a ristabilire la conformazione naturale della bocca e la sua funzionalità, visto che la mancanza di denti all’interno del cavo orale può avere riscontri, ad esempio, anche sulla masticazione. Sono tante quindi le ragioni portano in evidenza la necessità di ricorrere ad interventi per ripristinare la normale morfologia della bocca, e tra queste ci sono ovviamente anche quelle di natura estetica. 

    Le protesi dentali moderne

    L’odontoiatra si è evoluta nel corso degli anni e oggi mette a disposizione protesi dentali di ultima generazione molto più performanti e, soprattutto, in grado di garantire risultati migliori in termini di estetica. Fattore quest’ultimo da non sottovalutare visto che la richiesta di trattamenti appaganti anche dal punto di vista dell’estetica è sempre più pressanti e il dentista è ormai diventato anche una sorta di medico al quale ci si rivolge per questioni di bellezza.
    In questo senso una delle protesi dentali maggiormente richieste è la faccetta dentale, piccolo guscio di ceramica, sottile, che va ad incollarsi sul dente naturale modificandone forma e colore. Ovviamente non si parla di una protesi a tutti gli effetti, per intendersi come quelle che si rendono necessarie quando un dente manca del tutto.

    L’uso del digitale per creare protesi


    La protesi dentale per eccellenza è probabilmente la dentiera, che viene utilizzata nei casi limite, quando i denti in bocca siano rimasti veramente pochi e si abbia perso quasi del tutto la capacità di masticazione. Anche in questo caso la moderna odontoiatria ha sviluppato dentiere molto meno invasive rispetto al passato, in grado di rispettare le esigenze differenti di ogni paziente anche dal punto di vista dell’estetica.

    In generale le protesi dentarie vengono oggi realizzate con il supporto della tecnologia digitale, evitando quindi il ricorso al calco ordinario, molto invasivo e fastidioso. Progettazione e realizzazione delle protesi dentali avviene con un lavoro di digitalizzazione con ausilio di appositi scanner intra-orali che vanno a riprodurre fedelmente, in tempo reale, una versione tridimensionale dello stato della bocca.

    google news

    ULTIME NOTIZIE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    CRONACHE TV