Caserta, manca la barella per la figlia e aggredisce l’infermiere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Ancora un episodio di aggressione ai danni di dipendenti delle strutture ospedaliere in Campania.

E’ accaduto all’ospedale civile di Caserta dove il padre di una paziente ha aggredito un infermiere perché mancava  la barella per la figlia.A scatenare l’ira di un uomo la mancanza di una barella per la figlia.

A farne le spese è stato un infermiere impegnato nel triage. Il genitore accompagnava la figlia colta da malore improvviso e forse la tensione dovuta alla preoccupazione, forse le lunghe attese, forse la mancanza di attrezzature l’uomo si è lasciato prendere dalla rabbia e ha dapprima preso a pugni un vetro del triage e poi ha rivolto la sua ira a un malcapitato infermiere che nonostante le rassicurazioni a quanto pare sarebbe stato aggredito.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE