Ambulante ucciso, altro video avrebbe filmato fasi iniziali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ambulante ucciso: altro video avrebbe filmato fasi iniziali e forse tutta la scena. La difesa, “angolatura diversa”.

Ci sarebbe un altro video che riprenderebbe ‘l’approccio’ iniziale tra Alika Ogorchukwu e il suo assassino Filippo Ferlazzo, 32enne di Salerno, mentre si trovava in compagnia della fidanzata a Civitanova Marche alla quale il 39enne venditore ambulante aveva chiesto l’elemosina prima di essere aggredito brutalmente il 29 luglio.

Non immagini amatoriali ma del sistema di video sorveglianza nel centro cittadino dove venerdi’ scorso e’ stato ucciso Alika. Il filmato dovra’ con ogni probabilita’ essere acquisito dalla Procura di Macerata. “Potrebbe aver ripreso tutta la scena – spiega l’avvocatessa Roberta Bizzarri, legale di Ferlazzo – da una angolatura diversa da quella che e’ gia’ circolata”.

    Le immagini potrebbero chiarire che cosa sia accaduto quando il venditore ambulante si e’ avvicinato alla fidanzata di Filippo per chiedere del denaro. La donna ha dichiarato alla Squadra mobile di Macerata che il nigeriano l’aveva strattonata ma alcuni testimoni avrebbero detto che non c’era stato nessun contatto fisico.

    Proprio il contatto fisico avrebbe scatenato la reazione di Ferlazzo che ha raggiunto Alika e gli ha strappato di mano la stampella con cui camminava perche’ claudicante a causa di un incidente stradale, per colpirlo e atterrarlo iniziando in un corpo a corpo a cui e’ seguita la morte.

    In attesa del nuovo video l’avvocato Bizzarri oggi ha depositato una istanza in Procura per conto della mamma del suo assistito e della fidanzata che chiedono di poter fare visita in tempi brevi a Ferlazzo, nel carcere di Montacuto (Ancona) con l’accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e rapina.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

    Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

    Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

    Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE