HomeCronacaArzano, fiorai e parcheggiatori abusivi padroni del cimitero: l’ombra del clan della...

Arzano, fiorai e parcheggiatori abusivi padroni del cimitero: l’ombra del clan della 167

google news

Arzano. Fiorai e parcheggiatori abusivi padroni del cimitero: l’ombra del clan della 167. Sarebbero decine e decine le segnalazioni dei cittadini che si recano al cimitero di via Porziano, per denunciare che lo spazio antistante al camposanto di proprietà del comune di Arzano è presidiato costantemente da una massiccia presenza di parcheggiatori abusivi e fiorai che si sono appropriati dell’area ad uso parcheggio.

Ogni giorno chi si reca al consorzio che ingloba anche i comuni di Casavatore e Casoria per la commemorazione dei propri defunti, ormai da diversi anni, è diventato un momento da festeggiare anche per la criminalità organizzata che può contare su incassi di tutto rispetto, di decine e decine di migliaia di euro.

A rimarcare la presenza ingombrante di parenti di alcuni affiliati quali parcheggiatori abusivi, se ne fa menzione anche nell’ordinanza di arresto a carico del clan Monfregolo, dove è stato accertato dai magistrati della Dda che alcune imprese operanti all’interno del camposanto pagavano il pizzo.

E’ da settimane oramai che l’area è diventata invivibile. I fiorai, alcuni dei quali senza alcuna autorizzazione ad occupare il suolo pubblico, hanno trasferito gli stand per la vendita al centro del parcheggio e trasformato la restante parte in area di sosta personale per i propri mezzi.

“Questi malviventi – spiega un cittadino che vuole restare nell’anonimato – hanno militarizzano il cimitero, non c’è auto che possa sostare senza aver pagato, e se uno si ribella rischia anche. Questa gente non solo guadagna decine di migliaia di euro alle spalle delle persone oneste, ma mette davvero in pericolo l’incolumità di tutti”. Abusivi che ormai si sentono padroni assoluti delle strade, dove nessuno li può fermare.

“Le Forze dell’Ordine – conclude – dovrebbero intervenire senza remore e assicurare alla giustizia chi vive alle spalle delle persone oneste. Andare a trovare i propri cari defunti in un cimitero non può significare attraversare una giungla senza regole”.

Luigi Vanacore

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

‘Festa del pane canestrato’ a San Nicola la Strada con Peppe Iodice

'Festa del pane canestrato' a San Nicola la Strada con Peppe Iodice, sabato 2 e domenica 3 luglio. In occasione del prossimo fine settimana a...

Atmosfere Gospel rassegna musicale tra Pozzuoli e Gaeta

Atmosfere Gospel rassegna musicale tra Pozzuoli e Gaeta, l'8 e il 9 luglio. Atmosfere gospel è la rassegna di Gospel a cura di C.F.A. Accademia...

Turismo, Sorrento al top ma i residenti emigrano nelle città vicine

Flussi turistici e vivibilità dei sorrentini: se ne è parlato all'Hilton Sorrento Palace, nel corso del primo summit internazionale dei giovani, provenienti da 60 Paesi...

Marano di nuovo senza acqua per guasto all’impianto di San Rocco. La disperazione dei cittadini

Non c’è pace per i cittadini di Marano di Napoli che devono fare i conti non soltanto con le temperature record che stanno flagellando...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita