Iovino (M5S): ‘Flessioni punitive, si faccia chiarezza’

#Iovino (M5S): “#Flessionipunitive, si faccia chiarezza sui metodi del prof di Ortopedia del Ruggi”

google news
salerno caso specializzandi salerno
Foto dal web

Iovino (M5S): “Flessioni punitive, si faccia chiarezza sui metodi del prof di Ortopedia del Ruggi”. Il deputato annuncia un’interrogazione dopo la denuncia dell’associazione Liberi Specializzandi

Auspico che sia fatta subito chiarezza sulla vicenda, denunciata dall’associazione “Liberi Specializzandi”, che vede un docente della scuola di Ortopedia, che fa capo all’ospedale Ruggi, al centro di accuse gravissime. Costringere giovani specializzandi a fare flessioni davanti all’intera aula, per qualche minuto di ritardo alle lezioni, rimanda a metodi da Gestapo che non appartengono al nostro retaggio e alla nostra cultura. Fa specie immaginare che l’artefice di tutto questo sia uno stimato ortopedico, noto per aver assistito personaggi celebri soprattutto nell’ambiente del calcio e dello sport internazionale”. Lo dichiara il deputato del Movimento 5 Stelle Luigi Iovino, che sulla vicenda ha annunciato un’interrogazione al ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica.

LEGGI ANCHE  Napoli, uomo alla guida di auto rubata: fermato

“Non possiamo consentire che una delle nostre Facoltà passi agli onori delle cronache per fatti di questa gravità. Bene l’indagine interna avviata dal preside. Allo stesso modo chiedo che anche il ministero metta in atto i dovuti controlli, per chiarire quanto di vero ci sia in queste denunce ed eventualmente per comminare al presunto responsabile le sanzioni previste dalle norme vigenti”.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Festival Linea d’Ombra, dai conflitti alla creatività dal 22 al 29 ottobre

Tra le novità focus su videogioco

A Bagnoli incendio al Lussy Caffè, a Posillipo fiamme a un’auto

Due incendi nella notte a Napoli: i carabinieri indagano sulle cause

 A Roma per truffare anziani: arrestati 2 napoletani

I carabinieri hanno bloccato un 67enne e un 42enne che si erano finti amici del figlio

Recale, la moglie lo lascia e lui tenta il suicidio lanciando dal ponte dell’autostrada

 Mattinata movimentata a Recale dove un uomo che stava per lanciarsi dal ponte dell’autostrada è salvato in extremis da due agenti

IN PRIMO PIANO

Pubblicita