Nola, il web si mobilita contro il ladro del cane Toto. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il video del furto del cane Toto in un appartamento a Nola, ha scatenato la caccia all’uomo per riportare un cucciolo di barboncino ai suoi padroni di sei e quattro anni.

Due bambini a cui i genitori avevano regalato Toto, di cinque mesi, quattro settimane fa, e che ora sono disperati per un furto che e’ diventato virale sui social dopo la segnalazione del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli. Nel video del sistema di sorveglianza si vede un uomo scavalcare il muro di recinzione di un terrazzo interno, con in braccio il cagnolino visibilmente spaventato.

L’uomo, prima di uscire dal palazzo, infila il cucciolo, che piange, nel giubbotto e poi fa perdere le proprie tracce. “I miei figli stanno piangendo da ieri – spiega Luigi Piscitelli, proprietario del cane – quell’uomo si e’ intrufolato prima nel parco e poi sul nostro terrazzo, approfittando della nostra assenza di ieri mattina. Quando siamo tornati e non abbiamo trovato il cane, abbiamo guardato i video della sorveglianza e scoperto cosa era successo. Abbiamo denunciato l’accaduto e consegnato il video alle forze dell’ordine. Toto ha il microchip e speriamo che qualcuno ci aiuti a ritrovarlo. Siamo anche disposti a dare una ricompensa a chi ci aiuta a riportarlo a casa”.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ladri svaligiano una casa e rubano anche la cagnolina: lanciato un appello sui social

    “Sono immagini molto forti – ha commentato invece Borrelli – non riusciamo a capire il motivo di un simile gesto che condanniamo nella maniera piu’ assoluta. Ci auguriamo che tramite il filmato si riesca a risalire all’autore di questo rapimento che dovra’ essere consegnato alla giustizia”. 



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    ‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

    Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

    Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE