HomeCronaca di SalernoSalerno, invalida al 100% da 8 mesi aspetta reversibilità del padre

Salerno, invalida al 100% da 8 mesi aspetta reversibilità del padre

Salerno, #invalida al 100% da 8 mesi aspetta #reversibilità del padre. Una 40enne con sindrome di Down al centro di rimpalli burocratici
google news
invalida al 100 _ reversibilità del padre
Foto dal web

Salerno, invalida al 100% da 8 mesi aspetta reversibilità del padre. Una 40enne con sindrome di Down al centro di rimpalli burocratici

Invalida al 100% da otto mesi non riesce a ottenere la reversibilità del padre deceduto a causa di ritardi e rimpalli e burocratici. E’ la storia di Maria Grazia Grauso, 40enne affetta da sindrome di Down, inabile al lavoro e totalmente a carico del genitore defunto.

La donna, residente prima a Como e da un anno a Nocera Inferiore (Salerno), è titolare di una pensione di invalidità e di un assegno di accompagnamento per un totale di circa 1.080 euro al mese, ma senza l’integrazione della reversibilità del padre non riuscirebbe a condurre una vita dignitosa.

A raccontare la storia ad Askanews, il fratello Paolo che risiede a Roma e sta provvedendo, con l’altro fratello che abita ad Hannover, a coprire alcune spese come la badante che accudisce la sorella e le consente di poter svolgere le sue attività quotidiane come prima faceva il padre.

Il calvario burocratico è iniziato a fine maggio, dopo la morte del genitore della donna. Dai familiari è stata fatta richiesta di reversibilità tramite il patronato Cgil di Nocera Inferiore, ma “a mesi di distanza, da Mef e Inps non ci sono state ancora risposte esaustive – ha detto Paolo Grauso – nonostante tutta la documentazione prodotta attesti la vivenza a carico e il mantenimento da parte di mio padre che aveva mia sorella a suo carico al 100%”.

“A dicembre, dopo vari tentativi, sono riuscito a parlare con un dipendete Mef che sostiene che, per problemi organizzativi, presso di loro prima di marzo-aprile non emetteranno nessun parere o verbale – ha raccontato ancora Grauso – A gennaio sono riuscito a parlare con un dirigente Inps che mi ha segnalato la situazione di caos in cui versa il Mef di Napoli con migliaia di pratiche in sospeso, le commissioni mediche tutte dimesse o in cessazione d’incarico e con le nuove commissioni che ancora devono essere ricostituite e formate. Senza reversibilità non sono in grado di mantenere per sempre mia sorella e, per consentirle una vita dignitosa, saremo costretti a vendere le poche proprietà che mio padre ci ha lasciato”, ha concluso.

Gustavo Gentile
Gustavo Gentilehttps://www.cronachedellacampania.it
Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Napoli, sparatoria a Chiaia: si indaga anche sulla pista passionale

Napoli. Un solo colpo di pistola esploso poco prima delle 22 a Chiaia, tra i vicoli a ridosso del lungomare di Napoli, in via...

Mergellina, smantellati gli ormeggi abusivi: 3 denunciati

Napoli. Operazione di contrasto agli ormeggi abusivi nella zona di Mergellina. Controlli della Polizia di Stato e della Guardia Costiera che hanno denunciato tre...

Covid in Italia, nuovo boom di contagi

In netta salita la curva del covid in Italia con un vero e proprio 'boom' di contagi. Sono infatti 83.555 i nuovi casi nelle ultime...

Castellammare, i prof della Bonito salutano la preside Maria Giugliano

Castellammare. "Una donna autorevole dal cuore d'oro. Una preside signorile, professionale, sempre disponibile al confronto e al dialogo". Inizia così la lettera di saluto dei...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita