San Giuseppe, scoperti 10 lavoratori del Bangladesh in nero

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lavoro nero: in un opificio tessile di San Giuseppe Vesuviano trovati 10 lavoratori irregolari del Bangladesh. Elevate sanzioni per 140mila euro circa con sospesione dell’attività

Elevate sanzioni per circa 140.000 euro e disposta sospensione dell’attività lavorativa con denuncia alla Procura della Repubblica.
Personale del processo vigilanza, unitamente ai carabinieri del Gruppo Tutela Lavoro dell’Ispettorato Interregionale del lavoro di Napoli, hanno effettuato un accesso ispettivo presso un opificio tessile nel comune di San Giuseppe Vesuviano (NA).

Inseriti nel più ampio contesto di iniziative adottate a tutela della legalità del lavoro, i controlli hanno avuto molteplici finalità; la verifica dell’impiego di lavoratori irregolari, le violazioni alla normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, il contrasto all’immigrazione clandestina e allo sfruttamento lavorativo.

    All’interno della struttura, presenti tutti lavoratori del Bangladesh, è stata accertata la presenza di 10 lavoratori irregolari, di cui 3 privi di regolare permesso di soggiorno.

    Sono state irrogate sanzioni per violazioni connesse al lavoro nero per euro 45.000 e per violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro per 94.500 euro.

    Nei confronti dell’azienda gli ispettori hanno disposto la sospensione dell’attività lavorativa ai sensi di quanto disposto dal D.L. 146/2021, i militari hanno proceduto, altresì, al sequestro del luogo di lavoro per gravi violazioni al D. Lgs. 81/08.






    LEGGI ANCHE

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE