🔴 ULTIME NOTIZIE :

Egitto, inondazione con invasione di scorpioni: tre morti e 450 feriti

Le violente inondazioni di questi giorni hanno provocato un'invasione di scorpioni dalla coda grassa nel governatorato di Assuan in Egitto: fonti locali parlano di 3 morti e 450 feriti

    Egitto. Un’invasione di scorpioni dalla coda grassa nel governatorato di Assuan ha provocato almeno tre morti e oltre 500 persone infettate, secondo quanto riporta il quotidiano egiziano “Al Arham”.

    A scatenare l’invasione sono state le violente inondazioni provocate da piogge torrenziali e grandine senza precedenti nelle zone montuose dell’Alto Egitto. L’entità delle piogge torrenziali che hanno colpito il governatorato è stata devastante, ha dichiarato il governatore di Assuan, Ashraf Attia ai media locali, precisando che ci sono villaggi che sarebbero completamente scomparsi.

    L’Autorità meteorologica egiziana ha annunciato che Assuan, Sharm el Sheikh e la costa del Mar Rosso sono state interessate da piogge torrenziali e forti venti, un fatto rarissimo nelle regioni meridionali dell’Egitto e che sarebbe legato ai cambiamenti climatici.

    L’invasione di scorpioni di Assuan è stata provocata dalle piogge torrenziali che hanno trascinato gli animali nelle strade allagate e nelle abitazioni. Secondo i media egiziani, dosi extra di antidoto sono state fornite ai centri medici nei villaggi vicino a montagne e deserti, mentre la popolazione è stata invitata a rimanere a casa ed evitare i luoghi con molti alberi.

    In Egitto vivono gli scorpioni dalla coda grassa che sono tra i più letali al mondo con il loro veleno che può uccidere gli umani in meno di un’ora.

    “503 cittadini hanno ricevuto un antidoto ad Assuan, dopo essere stati morsi da scorpioni che hanno lasciato le loro tane a causa delle piogge torrenziali”, ha dichiarato Khaled Abdel Ghaffar, il ministro egiziano dell’istruzione superiore e della ricerca scientifica ma che è il ministro della Salute ad interim.

    In precedenza un sottosegretario del Ministero della Salute egiziano ad Assuan, Ehab Hanafy, aveva affermato che “3 persone sono state uccise e altre 450 sono rimaste ferite da punture di scorpione a causa del maltempo e delle ultime inondazioni che hanno colpito ieri Assuan”.

    La città ieri era stata colpita da violente grandinate, forti venti e piogge, sottolinea il sito di Al Arabiya ricordando che le punture di scorpione di solito non sono fatali e in genere causano solo dolore, intorpidimento, formicolio e gonfiore.

    Tuttavia in casi gravi si riscontrano difficoltà di respirazione, contrazioni muscolari, anormali movimenti di collo e occhi, salivazione, sudorazione, nausea, vomito, ipertensione, tachicardia, irrequietezza o eccitabilità. Comunque ad Assuan, per garantire la sicurezza degli studenti, oggi le scuole sono rimaste chiuse nonostante l’inizio odierno della settimana islamica.

    Il ministro ha sottolineato la disponibilità di una scorta strategica sufficiente di antidoti contro le punture di scorpioni e serpenti in tutti gli ospedali e le unità sanitarie di tutti i governatorati egiziani come parte del piano del dicastero per far fronte alle fluttuazioni climatiche.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    A Roccapiemonte vento abbatte albero, scuola chiusa 

    Le forti raffiche di vento che hanno sferzato nel fine settimana appena trascorso la provincia di Salerno hanno causato, intorno alle 6 di ieri...

    Sequestrati nel Napoletano 19 cani, erano in box tra i rifiuti

    Il Nas di Napoli ha sequestrato 19 cani a carico di un allevamento della provincia. Sequestrati 19 cani, l'operazione del Nas di Napoli L'accertamento è nato...

    Addio a Sergio Solli, lo spazzino del celebre film ‘Così parlò Bellavista’

    Sergio Solli, famoso attore napoletano è morto a 75 anni. Ad annunciare la scomparsa Bruno Garofalo, scenografo di Eduardo De Filippo: "Notizia triste per me...

    Corteo Softlab a Caserta: lavoratori senza stipendio

    Lamentano "quattro mensilità arretrate" e soprattutto "nessuna risposta sul piano industriale" i lavoratori delle sedi di Caserta e Maddaloni dell'azienda di informatica Softlab, che...