🔴 ULTIME NOTIZIE :

Alto impatto a Sorrento: oltre 200 persone identificate

Alto impatto a Sorrento, comune della città metropolitana di Napoli: gli agenti della Polizia di Stato hanno effettuato controlli nella città. Controlli a Sorrento: identificate 241 persone Ieri gli agenti del Commissariato di Sorrento, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio...

Cesa, scoperto opificio completamente illegale senza autorizzazione ambientale

Scoperto a #Cesa un #opificio adibito alla produzione di #calzature completamente abusivo e sconosciuto al #Fisco, al cui interno erano impiegati 6 lavoratori in nero.

    Scoperto a Cesa un opificio adibito alla produzione di calzature completamente abusivo e sconosciuto al Fisco, al cui interno erano impiegati 6 lavoratori in nero.

    Nel quadro della quotidiana attività di controllo economico del territorio e di contrasto al fenomeno dei roghi tossici di rifiuti industriali nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”, militari della Guardia di Finanza di Aversa hanno individuato, in Cesa, un opificio adibito alla produzione di calzature completamente abusivo e sconosciuto al Fisco, al cui interno erano impiegati 6 lavoratori in nero.

    Il titolare dell’azienda operava, altresì, in assenza di autorizzazioni per l’emissione in atmosfera dei fumi generati dalla lavorazione dei pellami e non era in regola con la normativa in materia di smaltimento dei rifiuti speciali prodotti.

    Per tali ragioni, l’imprenditore è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Napoli Nord per gestione di rifiuti non autorizzata ed emissione non autorizzata di fumi in atmosfera. Sequestrati l’intero opificio, di superficie pari a circa 300 mq, i numerosi macchinari impiegati per la fabbricazione delle scarpe ed una settantina di contenitori di colla e prodotti chimici rinvenuti.

    L’intervento delle Fiamme Gialle, scaturito dal costante impegno profuso per l’acquisizione di informazioni utili ad individuare aziende “sommerse” e operanti in modo illegale, ha così impedito che l’immissione incontrollata dei fumi in atmosfera continuasse a recare pregiudizio alla salute degli abitanti della zona ed all’ambiente circostante, oltreché lo smaltimento illegale di rifiuti speciali contribuisse all’inquinamento dei suoli ed al deturpamento del territorio.

    Nel contempo, i paralleli accertamenti amministrativi hanno consentito di accertare che dei 6 operai in nero individuati all’interno dell’opificio 3 percepivano il “reddito di cittadinanza” mentre un quarto soggetto risultava addirittura percettore di indennità di disoccupazione, (la cosiddetta “Naspi).
    Le loro posizioni saranno comunicate ai competenti Uffici Ispettivi del Lavoro ed all’Autorità Giudiziaria per le previste sanzioni penali e la decadenza del beneficio in uno al recupero delle somme indebitamente percepite.

    I risultati dell’attività svolta dalle Fiamme Gialle di Aversa dimostrano l’efficacia dell’azione preventiva e repressiva svolta dalla Guardia di Finanza nel contrasto ai fenomeni criminali sulla base di una proiezione operativa “trasversale” e poliedrica che, nel caso di specie, ha consentito di individuare e colpire congiuntamente tanto violazioni economico-finanziarie foriere di indebite sottrazioni di risorse all’intera collettività quanto illeciti altamente pericolosi per la salute dei cittadini e per la salubrità dell’ambiente.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    L’uomo e il mare: erogata la borsa internazionale per la creatività

    Il Premio Penisola Sorrentina eroga la borsa internazionale per la creatività audiovisiva ad Art33 aps. per la promozione culturale di San Giovanni a Teduccio....

    Messina Denaro: indagini su 5 carte identità trovate nel primo covo

    Potrebbero far parte delle carte d'identità in bianco rubate all'anagrafe di Trapani nel 2015 e nel 2018 i cinque documenti (ancora in formato cartaceo)...

    Circum: posizione bus sostitutivi controllabile sul web

    Consultare in tempo reale la posizione del bus sostitutivo che collega le stazioni di Vico Equense e Castellammare di Stabia della Circumvesuviana. È la novità...

    Dani Alves disposto a indossare braccialetto elettronico in caso di scarcerazione

    Il calciatore brasiliano Dani Alves si è detto disposto a consegnare il suo passaporto e a indossare un braccialetto elettronico se verrà scarcerato, in...