Follia ultras in autostrada: caccia ai tifosi violenti della Paganese

SULLO STESSO ARGOMENTO

La polizia stradale e della questura di Avellino sono al lavoro per dare un nome e un volto al gruppetto di ultras della Paganese che ieri hanno scatenato terrore sul raccordo autostradale Avellino-Salerno.

Una ventina di tifosi della Paganese, reduci dalla sconfitta per 3-0 con l’Avellino, nella gara valida per il campionato di Serie C, girone B, si sono resi protagonisti di atti di vandalismo e aggressioni nei confronti degli automobilisti in transito.

Gli ultras azzurro-stellati infatti hanno fatto fermare il pulmino su cui viaggiavano tra Solofra e Montoro, bloccando la circolazione stradale in direzione di Salerno. Secondo le prime testimonianze, hanno preso di mira con bastoni e mazze le automobili rimaste bloccate.

    Un automobilista che ha tentato di protestare è stato strattonato e minacciato e le chiavi della sua macchina sono state prelevate dagli aggressori e gettate nei terreni che costeggiano la strada.

    Molta paura anche per i bambini bloccati nelle auto con i genitori. Sul posto sono intervenute le forze di polizia, che in pochi minuti hanno ricevuto decine e decine di richieste di intervento.

    Il raid dei teppisti è durato infatti quasi mezzora. Molte le auto danneggiate. Gli agenti della Polstrada e della questura di Avellino stanno indagando, in collaborazione con i colleghi di Salerno, per identificare i responsabili di quella scena di pura guerriglia urbana. Per questo motivo gli investigatori hanno già acquisiti le immagini registrate dalle telecamere presenti lungo il percorso che il commando ultras potrebbe aver fatto immettersi e poi uscire dall’autostrada.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE