e-News

Miglior frullatore ad immersione



frullatore a immersione




Tra i tanti strumenti che oggi ci possono aiutare nella realizzazione dei nostri piatti preferiti ve n’è sicuramente uno di cui non possiamo proprio fare a meno e che quindi non può mancare nelle nostre cucine. Ci stiamo naturalmente riferendo al frullatore ad immersione.

Grazie a questi apparecchi siamo oggi in grado di velocizzare molti dei passaggi necessari per portare a termine ricette più o meno ricercate, sminuzzando e trasformando in forma liquida praticamente qualsiasi tipologia di alimento, dalla frutta ai legumi, dalla carne alla verdura e così via.

In questa nostra breve guida vogliamo aiutarti ad individuare il miglior frullatore ad immersione che il mercato odierno possa offrirti, facendoti notare tutti gli aspetti da prendere in considerazione prima dell’acquisto per soddisfare quelle che sono le tue personali esigenze.

Perché comprare un frullatore ad immersione

Come abbiamo appena accennato, con un frullatore ad immersione a propria disposizione è possibile realizzare frullati, salsine varie, emulsioni e tanto altro ancora, più funzionalità extra che dipendono dagli accessori aggiuntivi di cui dispone il modello da te posseduto. Molto spesso, infatti, questi frullatori vengono venduti assieme ad altre parti rimuovibili che possono rivelarsi molto utili. Tra queste, ad esempio, vi sono la frusta per sbattere le uova o fare impasti vari, contenitori di varie dimensioni dove poter meglio tritare gli alimenti e altro ancora.

Rispetto ai frullatori classici quelli ad immersione hanno una struttura con delle misure ed un peso nettamente minori, aspetti che assicurano un loro facile utilizzo e che li rendono molto più pratici da prendere e da riporre quando servono. Allo stesso tempo, però, le prestazioni di un frullatore ad immersione non possono essere paragonate a quelle offerte dai modelli più avanzati, visto che qui troviamo motori più piccoli e meno potenti, soffrendo soprattutto nella lavorazione degli alimenti più duri, con il conseguente rischio di incombere in un surriscaldamento dell’apparecchio.

Quali aspetti bisogna prendere in considerazione

Come avrai già sicuramente notato, in commercio è possibile trovare un’infinità di modelli di frullatori ad immersione. Anche se esteticamente possono sembrare quasi tutti uguali, in realtà, dal punto di vista tecnico le differenze ci sono e possono anche essere abbastanza nette, con prezzi che vanno da pochi euro fino ad arrivare a cifre anche a due zeri,

Per questa ragione faresti meglio a trovare un frullatore che si adatti perfettamente a quelle che sono le tue necessità in cucina e, quindi, capire se hai bisogno di uno strumento molto potente o meno, che ti permetta vari livelli di lavorazione adattando la giusta velocità di rotazione delle lame, che possegga un contenitore abbastanza ampio e tanti altri aspetti di secondaria importanza che meritano comunque un attimo della tua attenzione.

Potenza

La prima caratteristica da prendere in considerazione al momento dell’acquisto del tuo nuovo frullatore ad immersione è la sua potenza, dalla quale dipenderà l’efficacia dello strumento e la velocità con cui è possibile portare a termine le operazioni.

Dalla potenza, solitamente, dipende anche il prezzo finale dello strumento che, come abbiamo già detto, può raggiungere cifre considerevoli. Ricorda, però, che la sola potenza non è tutto, visto che in circolazione potrai trovare frullatori molto potenti ma dalla bassa resa e, soprattutto, scarsi qualitativamente.

Numero di lame e velocità

Un altro aspetto molto importante ai fini della qualità dei risultati ottenuti con il tuo frullatore ad immersione è la quantità di lame presenti alla sua base. Normalmente, troviamo due o tre lame, ma nei modelli migliori il loro numero può essere maggiore, trovando qui anche un design e delle linee delle lame che garantiscono sempre prestazioni ottimali.

Allo stesso tempo, una funzionalità non sempre presente è quella che permette di regolare la velocità di lavorazione. In base al piatto che stai preparando potresti avere bisogno di salse e composti vari con densità differenti. Regolando la velocità di rotazione delle lame potrai invece raggiungere la consistenza desiderata.

Capienza contenitore

Tra gli accessori che non possono assolutamente mancare per un corretto utilizzo del frullatore è l’apposito contenitore nel quale va collocato il cibo da lavorare. Anche qui, solitamente, i frullatori ad immersione dispongono di recipienti con delle misure standard, che si aggirano sui 0,5 l. Alcuni modelli, invece, sono dotati di contenitori ben più grandi, anche superiori al litro come capacità, pensati per chi è solito cucinare in grandi quantità.

Ricorda che potrai sempre decidere di utilizzare contenitori di terze parti rispetto al modello da te posseduto oppure usare il tuo frullatore ad immersione anche all’interno di una pentola, facendo sempre grande attenzione a non rovinare le lame e le superfici su cui lo utilizzi.

Conclusioni

Se tutte le informazioni che ti abbiamo appena fornito non dovessero esserti sufficienti per trovare lo strumento che stavi cercando, allora dovresti proprio dare un’occhiata a questo nostro altro articolo ancora più dettagliato e preciso che, inoltre, presenta un ricco elenco di frullatori ad immersione, tra i quali siamo sicuri ci sarà quello di cui hai bisogno.

Google News

Camorra, arrestato a Malaga latitante della Vanella Grassi

Notizia precedente

Morto anziano travolto da un monopattino

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..