Incidente lungo la Statale Telesina, muore 53enne


ADS


La vittima si chiamava #GiuseppeDiCerbo ed era originaria di #Amorosi. Nell’incidente lungo la Statale Telesina ferita anche una donna

incidente statale telesina

ADS

Incidente lungo la , muore 53enne. Ferita una donna trasferita in codice rosso all’ospedale San Pio di Benevento. L’uomo era su una moto che si è scontrata con un furgone nel territorio di Puglianello.

Nell’impatto ha perso la vita un 53enne di Amorosi. Lo scontro è avvenuto nel territorio di Puglianello, a poche centinaia di metri dallo svincolo per Faicchio. L’uomo era in sella ad una moto Honda quando, per cause in corso di accertamento, si è scontrato con un furgone Peugeot Patner condotto da un 36enne della provincia di Caserta.

Nel violento l’impatto è stato sbalzato dalla moto a parecchi metri di distanza cadendo pesantemente a terra. Quando sono arrivate le ambulanze dell’Unità di Rianimazione della Croce Rossa 118 da Benevento e il 118 della Valle Telesina con i carabinieri della Stazione di Amorosi, purtroppo il cuore del motociclista si era già fermato.

La donna è stata invece soccorsa e trasferita in codice rosso all’ospedale San Pio di Benevento. Sull’accaduto sono ora in corso le indagini dei carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita. Al termine degli accertamenti, la salma è stata trasferita all’obitorio del San Pio in attesa della decisione del magistrato su eventuali esami medico legali.

I cavalli erano la sua vita, Li allevava, era un punto di riferimento per i corsi di equitazione che svolgeva. Giuseppe Di Cerbo, 53 anni, di Amorosi, era questo ed anche tanto altro. Una persona molto conosciuta nella zona, che nutriva da sempre una passione per quei bellissimi puledri che cavalcava.

[the_ad_group id=”289022″]

[the_ad_group id=”289024″]

Enorme la commozione che la tragica notizia ha suscitato ad Amorosi, un’intera comunità è sotto choc per il destino toccato al 53enne. Tra i primi ad accorrere il sindaco, Carmine Cacchillo, che ha avuto l’ingrato compito di avvertire i familiari, tra i quali la sorella di Giuseppe, con lui candidata alle ultime elezioni comunali.

“Era una persona molto intelligente – ricorda il primo cittadino – che aveva un cuore enorme. Era disponibile con tutti, soprattutto nelle situazioni di necessità. Quando, senza farsi pubblicità, era sempre pronto a dare una mano a chi ne aveva bisogno”.