Seguici sui Social

Napoli e Provincia

Ischia sequestro milionario ad albergatori: non versavano le imposte per i dipendenti

Ischia sequestro milionario ad albergatori: non versavano le imposte per i dipendenti. La guardia di finanza ha sequestrato circa un milione di euro ad una società che gestisce un albergo-ristorante


PUBBLICITA

Pubblicato

il

sequestro milionario ad albergatori

Ischia. Sequestro milionario ad albergatori: non versavano le imposte per i dipendenti.

L’anziano titolare dell’attività alberghiera era deceduto e i gestori di fatto continuavano ad operare usando il suo nome e non versando le imposte per le retribuzioni ai dipendenti.

E’ andata avanti per anni la presunta frode fiscale che hanno scoperto i finanzieri della Tenenza di Ischia che stamane insieme ai colleghi del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli – su disposizione del Gip di Napoli – hanno eseguito il decreto di sequestro preventivo per circa un milione di euro richiesto dalla Procura della Repubblica di Napoli.

 

Sequestro milionario ad albergatori- Ischia

 

Il decreto di sequestro è stato emesso nei confronti di una società operante nel settore alberghiero e della ristorazione di Ischia.

Le indagini sono state condotte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Ischia ed hanno permesso di accertare come negli anni la società abbia sistematicamente omesso di versare le ritenute d’imposta sulle retribuzioni dei dipendenti. Di qui il danno quasi milionario.

LEGGI ANCHE  A Teano 50 in isolamento: pericolo variante Delta

Sequestro milionario ad albergatori- Ischia

Sequestro milionario ad albergatori

Grazie agli approfondimenti effettuati è stato possibile individuare anche i gestori di fatto della società, i quali hanno continuato ad operare anche dopo il decesso del titolare legale dell’azienda ed è per questo motivo che il provvedimento di sequestro è stato esteso proprio nei confronti dei gestori di fatto della società.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Agguato nella notte a Fuorigrotta: ferito un uomo 

Le indagini si sono sviluppate, mediante acquisizioni documentali, audizioni di persone informate sui fatti ed analisi della documentazione contabile e hanno consentito di dimostrare che le decisioni sulla conduzione dell’azienda, e quindi anche quelle di omettere il versamento delle imposte, erano state assunte dai gestori di fatto della società che si schermavano dietro la figura del titolare legale, anziano poi deceduto.

Il sistema, pertanto, oltre al danno erariale, di fatto rischiava di rendere vana l’azione di contrasto, sia sotto il versante penale sia sotto quello fiscale.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Pozzuoli, il Comune bonifica e rende visibile la necropoli romana

Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a #Pozzuoli

Pubblicato

il

pozzuoli

Pozzuoli. Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a Pozzuoli nei pressi dell’anfiteatro Flavio e a breve distanza dal vulcano Solfatara grazie ad un intervento di bonifica e riqualificazione dell’area effettuato dal comune.

Nella necropoli, portata alla luce solo negli anni novanta, sono conservati testimonianze di monumenti funerari e il basolato della strada che collegava Pozzuoli con Napoli. L’incuria e l’abbandono avevano reso il sito un ricettacolo di rifiuti ricoperto completamente dalla vegetazione. L’intervento comunale giunge a seguito di un accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio che ha giurisdizione sulla necropoli.

LEGGI ANCHE  Napoli, vincere per continuare a sperare

“I lavori sono eseguiti a spese del comune – ha informato il sindaco – pur non avendo la competenza sul sito e prevedono il completo diserbamento di tutta l’area con la rimozione di erbacce, sterpaglie, legni e rifiuti vari. Lo facciamo a beneficio dell’ambiente e nel rispetto della collettivita’ e di un bene comune”.

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette