Seguici sui Social

Campania

In Campania è guerra sulla scuola: comitati e Codacons contro De Luca

Campania è guerra sulla scuola, il Comitato “Scuole Aperte” protesta: “Nessuna condizione per le riaperture di settembre”. Il Codacons minaccia ricorso in Tribunale


PUBBLICITA

Pubblicato

il

obbligo vaccini a scuola

In Campania è guerra sulla scuola: comitati e Codacons contro De Luca

“Chiediamo maggiore senso di responsabilita’ verso i ragazzi campani e continueremo a batterci affinche’ chi chiede di salvaguardare il sacrosanto diritto all’istruzione, senza ricatti e condizionamenti, non venga messo a tacere e denigrato con la falsa e facile etichettatura di novax”.

Cosi’ i membri dell’associazione Scuole Aperte Campania della Rete Nazionale Scuole in Presenza conclude la replica alle parole del governatore della Campania Vincenzo De Luca che oggi ha detto che per settembre ci vorra’ una vaccinazione di massa nelle scuole altrimenti non riprenderanno le lezioni. I genitori dell’associazione sottolineano di essere “contrari a qualunque tipo di condizionamento per la presenza a scuola dei ragazzi. Non sussiste alcun tipo di obbligo vaccinale attualmente in Italia e vogliamo che venga rispettata la volonta’ di tutti. Inoltre rivendicare la libera scelta in tal senso non autorizza nessuno ad etichettarci come no vax, e diffideremo formalmente chiunque dal farlo”.

In Campania è guerra sulla scuola: comitati e Codacons contro De Luca

L’associazione ricorda che “come hanno sottolineato le maggiori istituzioni europee ed internazionali (dall’ente vaccinale tedesco Stiko a quello britannico, dal Consiglio Nazionale di bioetica francese all’OMS) il vaccino non e’ “una caramella” ma un trattamento sanitario da somministrare a chi ne ha bisogno. Lascia sinceramente sconcertati che la maggiore preoccupazione del presidente De Luca sia rivolta non a convincere quella fascia di popolazione piu’ a rischio che in Campania costituisce ancora un’ampia fetta che non si e’ vaccinata, ma a subordinare la scuola in presenza alla vaccinazione dei minori, ovvero la fascia meno esposta al Covid grave.

A tal proposito si evidenzia che in Campania i cittadini nella fascia di eta’ 70-79 anni risultano immunizzati al 61%, percentuale che si riduce al 45% nella fascia 60-69, situazione che dovrebbe destare grave preoccupazione, essendo soggetti suscettibili di malattia sintomatica, e conseguente ospedalizzazione”.

LEGGI ANCHE  Uccise Elisa Pomarelli, solo 20 anni al Rambo di Piacenza

L’associazione afferma anche che “le affermazioni del presidente continuano ad essere illegittime e gravi perche’ il diritto all’istruzione in presenza e’ un diritto costituzionale che ogni istituzione deve garantire nel rispetto delle misure di sicurezza necessarie per combattere la diffusione del virus. Si ricorda che nei principali paesi europei si e’ deciso di non raccomandare la vaccinazione in fascia 12-18 anni, mentre in Campania la si vuole considerare addirittura una condizione necessaria per la frequenza scolastica, perpetrando un doppio dolo, scientifico e giuridico/etico”.

In Campania è guerra sulla scuola: comitati e Codacons contro De Luca

“Il presidente De Luca ha minacciato di tenere le scuole chiuse nel caso in cui i ragazzi non si dovessero vaccinare: riteniamo queste affermazioni di una gravita’ inaudita ed invitiamo tutte le associazioni, le comunita’ scolastiche, le forze politiche e tutti coloro che rispettano le regole democratiche ad adoperarsi con tutti i mezzi legali per contrastare simili proclami ed eventuali successive ordinanze”. Cosi’ in una nota il Codacons della Campania che “ha gia’ avvertito dell’accaduto sia il presidente del Consiglio che il ministro della pubblica istruzione”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: De Luca annuncia in Campania mascherine tutta l’estate

L’avvocato Marchetti ha dichiarato: “Non puo’ essere posta come condizione per l’apertura delle scuole la vaccinazione dei ragazzi ne’ si possono obbligare i nostri figli a vaccinarsi. Simili affermazioni hanno il doppio effetto di spaventare la comunita’ e dar vita (come nel caso di Avellino) a centinaia di ordinanze e provvedimenti illegittimi, in contrasto con le norme governative”.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Green pass anche per gli Scavi di Pompei: sul sito informazioni per i visitatori

Anche agli scavi di #Pompei sarà possibile accedere solo con il green pass

Pubblicato

il

green pass

Anche al parco archeologico di Pompei a partire da venerdi’ 6 agosto i visitatori potranno accedere ”solo previa esibizione della certificazione verde covid/green pass, in accordo al decreto legge numero 105 del 23 luglio 2021”.

A spiegarlo e’ la direzione degli scavi che sul proprio sito internet spiega come ‘‘la certificazione dovra’ attestare di aver fatto almeno una dose di vaccino oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti oppure di essere guariti da Covid-19 nei sei mesi precedenti”.

Per aiutare i visitatori, la direzione del parco archeologico fornisce sul proprio sito internet anche il link all’elenco delle farmacie dell’area della citta’ metropolitana di Napoli aderenti alla campagna di screening volontario aggiornato alle ore 12 del 2 agosto scorso, specificando come nell’elenco siano presenti solo le farmacie che hanno fatto regolare richiesta di adesione volontaria seguendo le indicazioni dello specifico protocollo regionale”.

Continua a leggere

Cronaca Caserta

Lido abusivo scoperto a Mondragone

Oltre due chilometri quadrati di spiaggia a #Mondragone occupati abusivamente da uno stabilimento balneare totalmente privo di autorizzazioni amministrative

Pubblicato

il

mondragone

Mondragone. Oltre due chilometri quadrati di spiaggia occupati abusivamente da uno stabilimento balneare totalmente privo di autorizzazioni amministrative: e’ quanto hanno scoperto sul litorale del comune di Mondragone gli uomini della Guardia Costiera di Mondragone e della polizia locale, la prima impiegata nell’ambito delle attivita’ di “Mare sicuro”.

I militari hanno scoperto che il lido aveva occupato la spiaggia attraverso l’installazione di 33 pedane in pvc nonche’ 121 ombrelloni con i supporti fissi e tavolini. Tutto il materiale e’ stato immediatamente rimosso e il “titolare” dell’attivita’ e’ stato denunciato alla Procura di Santa Maria Capua Vetere

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette