Italiana muore a Parigi investita da un monopattino

Miriam Segato, 31enne di Capalbio lavorava come cameriera in un ristorante italiano della capitale francese

google news
miriam SEGATO PARIGI
miriam SEGATO PARIGI

E’ morta dopo due giorni di coma Miriam Segato, la trentunenne italiana investita nel centro di Parigi da due ragazze in monopattino.

La polizia ha chiesto aiuto alla popolazione perche’ aiuti a identificare le due giovani, che si erano date alla fuga dopo aver falciato Miriam. La vittima lavorava come cameriera in un ristorante italiano della capitale francese.

appello polizia parigi

L’emittente Rtl ha riferito che la Procura della capitale, dopo aver aperto un’inchiesta per “omicidio volontario aggravato dalla fuga”, ha fatto un appello ai testimoni per contribuire alle ricerche delle due ragazze.

Miriam, originaria di Capalbio, stava tornando a casa dal ristorante italiano nel quale lavorava a rue Grégoire de Tours, quando era stata investita il 14 giugno scorso dalle due ragazze in monopattino, che non si erano fermate per soccorrerla dopo che Miriam aveva sbattuto la testa al marciapiede.

 

incidente monopattino parigi

La 31enne è morta nella notte tra mercoledì’ e giovedì scorsi: soccorsa in strada, dove era in arresto cardiocircolatorio, era stata sottoposta per 30 minuti a massaggio cardiaco. Quando il cuore aveva ripreso a battere, ma in stato di incoscienza, era stata trasferita all’ospedale de la Pitié-Salpêtrière, dove i medici che l’avevano presa in cura si erano detti “molti pessimisti”, ha raccontato una fonte al quotidiano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il camionista assassino lavora per una ditta di Castellammare

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

 Napoli, sorpreso a spacciare droga a Porta Nolana: arrestato

Operazione della polizia in vico vico Gabella della Farina

Palestra Culturale, lezione concerto con Giovanni Bietti

"La lira di Orfeo , i miti classici della musica occidentale' per un altro appuntamento della rassegna agli scavi di Pompei.

Omicidio Sergio Capparelli: c’è un sospettato legato al clan Cutolo

I carabinieri non escludono una vendetta per vecchi fatti: Sergio Capparelli era stato condannato per violenza sessuale

Maltempo a Napoli, chiusi Castel dell’Ovo, Maschio Angioino e i parchi

La decisione dell'amministrazione comunale di Napoli a causa dell'allerta Meteo

IN PRIMO PIANO

Pubblicita