HomeAttualitàItaliaControlli dei Nas su ambulanze, oltre il 10% insicure

Controlli dei Nas su ambulanze, oltre il 10% insicure

I Nas trovano 160 ambulanze irregolari: 9 sequestrati. Verifiche dei carabinieri su 1.297 mezzi di soccorso
google news

Oltre il 10% su un totale di 1.297 ambulanze impiegate nei servizi di emergenza – urgenza sanitaria e nel trasporto di infermi, a livello nazionale in questo periodo di Covid, 160 mezzi,  sono risultate al di sotto degli standard di sicurezza e igiene richiesti.

E’ quanto emerge da una campagna di verifiche effettuata dai Carabinieri del Nas sui veicoli impiegati nel trasporto e soccorso sanitario. Sono state contestate 52 violazioni penali e 113 amministrative in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, mancanza di idonee procedure di pulizia e sanificazione dei mezzi sanitari, presenza di parti arrugginite e incrostate, impiego di mezzi privi di autorizzazioni e requisiti per svolgere adeguatamente il trasporto di malati.

ambulanza nas controlli

 

29 violazioni scoperte dal Nas dei carabinieri sono riconducibili alla mancata adozione dei sistemi di prevenzione incendi e di revisione degli estintori, mentre ulteriori 20 riguardano la detenzione, a bordo dei mezzi o come scorte di magazzino, di farmaci, bombole di ossigeno e dispositivi medici scaduti di validità. Nel corso dei controlli sono state infatti sequestrate 154 confezioni di farmaci, tra antidolorifici e anestetici, e 38 bombole di ossigeno medicinale tutti scaduti di validità.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Ecco come funziona il green pass e come richiederlo

Per lo stesso motivo è stato applicato il vincolo di 464 dispositivi medici (ago-cannule, maschere per anestesia e per ossigeno, sondini e deflussori), altrettanto importanti per un immediato primo soccorso o trattamento sul mezzo di pazienti bisognosi. Tra gli episodi più eclatanti, sono state rilevate dai carabinieri dei Nas tecniche elusive per evitare il controllo delle ambulanze irregolarmente adibite al trasporto di infermi nonchè ventilatori polmonari collegatori a bombole contenenti ossigeno medicinale con data di scadenza superata addirittura dal luglio 2018.

 a bordo anche personale privo di abilitazione

Inoltre gli accertamenti hanno evidenziato personale infermieristico e di ausilio, impiegati a bordo di ambulanze di emergenza-urgenza, privi di abilitazione e di corsi basici di primo intervento, in altri casi invece ancora non sottoposto alla vaccinazione anti-Covid. Proprio a causa di gravi carenze igienico-gestionali e di impiego di mezzi non idonei alle attività sanitarie, sono stati eseguiti provvedimenti di sospensione dell’attività con divieto d’uso di 9 ambulanze appartenenti ad aziende private operanti nel settore, per un valore di 500 mila euro.

 

 

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Napoli, somministra bevande alcoliche a due minori. Minimarket chiuso per 10 giorni.

Napoli. Somministra bevande alcoliche a due minori. Minimarket del Centro Storico chiuso per 10 giorni. Il Questore di Napoli, su proposta della Polizia Municipale -...

Superenalotto, il jackpot sempre su: ora a 231,8milioni di euro. TUTTE LE QUOTE

Nessun '6' né '5+1' al concorso di oggi del Superenalotto. Sono stati realizzati venti '5' che vincono 11.141 euro ciascuno. Il jackpot a disposizione...

Sorrento, i sindaci della Costiera: “C’è boom ma addio vivibilità”

Sorrento. Ville in fitto a 50mila euro a settimana. A Capri e' normale, i vip possono pagare, ma una coppia di giovani dell'isola che...

Cameriera chiede la paga, picchiata dai datori di lavoro: li denuncia

Donna picchiata dai datori di lavoro sol perché aveva "osato" chiedere la paga che le spettava e che non aveva ancora avuto. E dopo dopo...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita