benzina

I dipendenti dovevano sottostare agli orari di lavoro previsti, diversamente per loro era pronta la lettera di licenziamento.

______________________________

Due casertani agli arresti domiciliari: sfruttavano i dipendenti con turni massacranti che dovevano sottostare agli orari di lavoro previsti

I dipendenti dovevano sottostare agli orari di lavoro previsti ,diversamente per loro era pronta la lettera di licenziamento.

pompa benzina

Foto archivio

Si trovano ora agli arresti domiciliari ,due casertani, padre e figlio di 63 e 29 anni che vivono a Viterbo. Per loro la pesante accusa di sfruttamento sul posto di lavoro di almeno 13 extracomunitari tutti in regola sul territorio nazionale.

I due, gestori di una nota catena di distribuzione di carburante in tutta la provincia di Viterbo, sottoponevano i lavoratori a turni massacranti che sfioravano anche la soglia di 12 ore consecutive, retribuite circa 3 euro all’ora, senza riposo né ferie né pause.

LEGGI ANCHE  Covid, 11 positivi al Cardarelli tra gli operatori dell'autoparco

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Smog in aumento a Napoli: scatta il parziale blocco della circolazione

Nei pressi delle strutture di distribuzione gli extracomunitari alloggiavano in condizioni igienico sanitarie molto discutibili e anche in questo caso alla location avevano provveduto i due casertani.


Di Fabio Testa



Ti potrebbe interessare..

Altro Italia