foto di repertorio

La Cassazione ha confermato le condanne a 85 anni di carcere per esponenti di spicco del di Torre Annunziata.

Secondo le accuse la cosca aveva organizzato estorsioni a tappeto in città e chiedevano il pizzo anche sulle sepolture al cimitero. Le accuse hanno retto anche in terzo grado con le uniche eccezioni di Ferraro Salvatore, detto O’ capitano, e Vatore Luigi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Napoli, i familiari di Lino Apicella: ‘Ci manca il tuo sorriso’

Per entrambi è intervenuta la sentenza di annullamento con rinvio che apre la strada ad una revisione della sentenza e ad un giudizio assolutorio. Sia Ferraro, (annullamento totale) difeso dall’avvoccato  Elio D’Aquino, che Vatore( annullamento dall’accusa di essere partecipe dell’associazione), difeso dall’avvocato , erano stati condannati a 10 anni di reclusione.
Arrivata, invece, la stangata definitiva per tutti gli altri imputati.
Ecco le condanne:

, 18 anni di reclusione
Pietro Izzo, 10 anni e 4mila euro
Oreste Palmieri, 16 anni
Raffaele Passeggia, 16 anni
Luigi Caglione, 10 anni
Raffaele Abbellito, 5 anni e 2mila euro
Leonardo Amoruso, 6 anni e 3mila euro
Antonio Palumbo, 4 anni e 3mila euro



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..