foto dal web

nella notte a dal papà di un piccolo malato di che pretendeva la visita.

E’ accaduto al distretto 40, ASL Napoli 2 Nord dove intorno alle 20,50 un medico in servizio notturno di Continuità Assistenziale è stato aggredito, fortunatamente solo verbalmente, con modi minacciosi e intimidatori da un utente che, arrivato fuori al presidio, ha suonato il citofono, senza preavviso di telefonata, pretendendo una visita ad un bambino con la .

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, 17enne accoltellato nella movida durante il coprifuoco

Il medico ha provato a spiegargli che il bambino con la non può uscire di casa e che sarebbe stato sufficiente un consulto telefonico con il servizio di Continuità Assistenziale Per tutta risposta l’uomo ha cominciato a minacciare il medico in servizio chiedendo di aprire il portone d’ingresso.

Il professionista ha chiamato il Comando dei Carabinieri di . I Carabinieri sono arrivati e hanno verbalizzato l’accaduto.

“Esprimo il mio rammarico e la mia indignazione- spiega il medico coinvolto- per tutti i medici di Continuità Assistenziale, che sono soggetti da anni a minacce di persone pericolose poiché i presidi sono ambienti poco sicuri e alla mercé di qualsiasi malintenzionato, il quale è libero di offendere, minacciare e picchiare un medico che sta semplicemente con il proprio lavoro tutelando la Salute dei Cittadini, senza la minima certezza di una pena”.



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..