Gragnano, la Finanza indaga sui lavori pubblici e sui permessi a costruire

SULLO STESSO ARGOMENTO

C’è aria di preoccupazione tra le forze politiche di Gragnano. Soprattutto quelle di maggioranza.

L’altra mattina il nucleo investigativo della Guardia di Finanza di Castellammare ha fatto visita agli uffici di via Vittorio Veneto e per alcune ore ha passato al setaccio una serie di documenti. La visita è durata tutta la mattinata e ha riguardato tutti i documenti, le delibere  e gli incarichi sui lavori pubblici e sui permessi a costruire. Decine e decine di pagine sono state fotocopiate e portate via insieme con tutti i nominativi dei componenti delle varie commissioni consiliari che si interessano della materia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: De Luca apre ai matrimoni in Campania

Il clima tra le forze politiche non è dei migliori dopo la visita sicuramente poco gradite. All’origine della quale vi sono una serie di denunce arrivate in questi mesi alla Procura di Torre Annunziata che ha aperto un fascicolo d’inchiesta, al momento senza nomi, e per questo che ha delegato la Guardia di Finanza di svolgere tutti gli accertamenti. L’inchiesta è appena agli inizi ma promette importanti sviluppi.






LEGGI ANCHE

Jamie torna con un nuovo singolo: ‘Un pezzo di me’

In un'epoca in cui la scena musicale è spesso saturata di messaggi superficiali, il cantautore marchigiano Jamie, dopo il successo delle sue precedenti release...

Stasera in Tv: la programmazione di questa sera , 20 febbraio 2024.

Ecco la programmazione tv, di questa sera, 20 febbraio 2024, sui principali canali italiani: Rai 1: alle 21:30 "Aline- La voce dell'amore" Rai 2: alle 21:20...

Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE