Uber cerca il riscatto: 20mila corse gratis per i vaccini a Napoli, Roma, Milano e Bologna

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Uber il servizio taxi ‘privato’ della società americana si mette al servizio della campagna vaccinale in Italia.

La società ha deciso di mettere a disposizione 20 mila corse gratuite nelle citta’ di Milano, Bologna e Roma, dove e’ presente con il servizio Uber Black, e Napoli, dove e’ attivo il servizio Uber Taxi, per aiutare le persone piu’ vulnerabili a ricevere in maniera veloce, agevole e sicura il vaccino per il Covid-19, e sostenere il governo italiano nella lotta al Coronavirus. Ogni utente delle citta’ coinvolte nell’iniziativa – fa sapere l’azienda – avra’ a disposizione 2 corse, fino a un massimo di 25 euro ognuna, per raggiungere uno dei circa 40 centri vaccinali attualmente attivi a Milano, Bologna, Roma e Napoli, e gia’ geolocalizzati per l’occasione nell’app Uber. Le persone potranno scegliere di prenotare la corsa per se’ stessi oppure richiederla per un proprio parente o conoscente che e’ stato chiamato a vaccinarsi o ad una visita medica di pre-vaccinazione, o ad altri spazi vaccinali che potrebbero essere attivati nelle prossime settimane. “Uber e’ vicina alle istituzioni in Italia fin dall’inizio della pandemia con altre attivita’, come ad esempio Uber Medics in partnership con l’Ospedale Spallanzani di Roma. Con questa iniziativa ribadiamo il nostro supporto alla popolazione del nostro paese, con un contributo concreto che aiutera’ le tante persone, a partire dai piu’ anziani attualmente coinvolti dal piano vaccinale nazionale, a raggiungere in tutta sicurezza uno dei centri predisposti in quattro delle principali citta’ italiane”, spiega Lorenzo Pireddu, country manager di Uber Italia.

La società al centro di numerose polemiche ‘sindacali’ sia per il servizio di trasporto che per Uber eats, la consegna veloce del cibo da asporto, ha avviato così una campagna promozionale più a contatto con le persone e con chi in questo momento ha bisogno di aiuto.







LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE