Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Covid, il ministro Speranza: ‘Il picco tra sette giorni, ma curva si va stabilizzando’

Pubblicato

il

Covid,ministro speranza,picco


Covid, il ministro Speranza: “Il picco tra sette giorni, ma curva si va stabilizzando”.

 

In un colloquio a La Stampa il ministro della Salute Roberto, Speranza sottolinea che “ci sono ragioni per credere che le ultime misure che abbiamo adottato comincino a dare qualche risultato”. Il ministro non nasconde il fatto che “le criticita’ ci sono tutte e mi sono ben evidenti”, dice eppure “se guardiamo ai numeri, ci accorgiamo che i nuovi casi di coronavirus registrati nello scorso weekend sono gli stessi di quest’ultimo sabato e domenica”.

Cio’ fa ben sperare? Significa che il contagio si e’ fermato? Agli interrogativi il ministro replica dicendo: “Ancora non lo sappiamo con sicurezza, ma gli scienziati ci informano che i primi segnali di stabilizzazione ci sono tutti. Se questo e’ vero, si conferma la validita’ della strategia che abbiamo adottato, che alla fine e’ molto chiara: vogliamo governare la curva, senza arrivare al lockdown totale. E si conferma la necessita’ di non mollare adesso: i prossimi sette-dieci giorni saranno decisivi, e ci diranno se la divisione del Paese in tre zone, e il meccanismo sostanzialmente automatico delle restrizioni regione per regione, sta dando i frutti che tutti speriamo”.

Era meglio fare il lockdown come a marzo, allora? A questa domanda il ministro della Salute ribatte dicendo di capire bene chi lo dice o lo proponeva, ma poi afferma che “obiettivamente oggi la situazione e’ diversa da marzo: allora non avevamo le mascherine, non avevamo le terapie intensive, non avevamo protocolli farmacologici. Oggi siamo in difficolta’, su qualche fronte siamo anche in ritardo, ma non combattiamo a mani nude come sette mesi fa”.

E spiega: “Negli ultimi mesi abbiamo avuto il cosiddetto aumento esponenziale di terapie intensive: un giorno 20 ricoveri, il giorno dopo 40, quello dopo ancora 80, e poi 120, e cosi’ via. A questi ritmi e’ chiaro che il sistema non regge. Ma se guardiamo alla media mobile dell’ultima settimana ci siamo assestati intorno a quota 100. Se ci stabilizziamo su questi livelli anche la settimana prossima, abbiamo fondate ragioni per ritenere che siamo arrivati al cosiddetto “plateau”, che equivale poi a un indice Rt uguale a 1″, assicura. Cio’ significa, per Speranza, che “per ogni nuovo contagiato che entra in intensiva un altro ne esce. Il nostro auspicio e’ che nella settimana ancora successiva, grazie alle ultime ordinanze sull’allargamento della zona rossa, l’indice possa scendere sotto 1. A quel punto i pazienti che escono saranno piu’ di quelli che entrano, e il sistema torna ad essere perfettamente sostenibile”.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

‘Hasta siempre Diego’, il post di Messi emoziona il mondo

Pubblicato

il

messi,maradona,hasta siempre diego
foto da profilo ufficiale Instagram di leo messi

‘Hasta siempre Diego’, il post di Messi emoziona il mondo.

“Hasta siempre, Diego”. E’ il post con cui Messi, dagli spogliatoi del Camp Nou ha di nuovo omaggiato il Maestro, Maradona, dopo averlo celebrato gia’ in campo, quando dopo aver segnato il gol del 4-0 all’Osasuna si era tolto la maglia del Barcellona, per mostrare quella n.10 del Newell’s Old Boys appartenuta al ‘Pibe de Oro’. Il quale nel 1993, quando Messi aveva sette anni e sgambettava fra i Pulcini della sua squadra del cuore, fece sette apparizioni nel club arcirivale del Rosario Central. La casacca di oggi era stata un regalo di Diego al suo erede che l’aveva gelosamente conservata, ma oggi non poteva fare a meno di vestirla, mentre con lo sguardo e le mani indicava il cielo. Immagine che poi Messi ha postato mettendo accanto una foto di Maradona con la stessa maglia, e anche lui esultante.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Cento rose bianche a forma di 10: l’omaggio di Bruno Conti e della Roma a Maradona

Quello di Messi e’ stato uno dei gesti piu’ emozionanti con cui in questo week end calcistico e sportivo (vedi All Blacks e Mike Tyson) il mondo ha commemorato Maradona. Subito il Newell’s Old Boys ha voluto sottolineare sui propri social cosa aveva fatto Messi, scrivendo “Il migliore del mondo e il suo omaggio a #D10S, con i colori del cuore”.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette