Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Business ambulanze private a Napoli, interviene il Presidente della Croce Rossa: “È uno scandalo”

Pubblicato

il

ambulanze private,napoli


Business a , interviene il Presidente della : “È uno scandalo”. Borrelli e Simioli: “Presentati già un esposto la Procura della Repubblica e una denuncia alla Gdf. Si deve porre fine a questo sciacallaggio anche legato alla camorra.”

Sulla questione del business delle interviene Paolo Monorchio, presidente della di : ”E’ uno scandalo. È ora di dire basta al mercimonio che si sta registrando a sulla pelle degli ammalati e dei loro familiari in queste settimane di emergenza covid: so che si arriva a pagare fino a mille euro per ‘affittare’ un mezzo di soccorso privato. Le autorità intervengano reprimendo il fenomeno ma anche controllando la documentazione amministrativa di queste ed eliminando il ‘sottobosco’ legato alla criminalità che si insinua fino all’ingresso degli ospedali”.

“Le dichiarazioni di Monorchio sono perfettamente in linea con il nostro pensiero e con il nostro piano d’azione. Noi abbiamo già presentato un esposto alla Procura della Repubblica e presentato una denuncia alla Guardia di Finanza dopo l’episodio dell’ambulanza ai Quartieri Spagnoli.
Quello è soltanto uno degli episodi che abbiamo denunciato e che ci è stato segnalato. Ad esempio, ci aveva contattato Lino Vairetti degli Osanna, che ha contratto il covid, dicendoci che gli sono stati chiesti 500 euro per il trasporto in ambulanza più 100 euro per ogni ora d’attesa all’esterno del pronto soccorso. Tutto questo è deplorevole, bisogna assolutamente porre fine a questo sciacallaggio.” sono le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e del conduttore radiofonico Gianni Simioli.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

A Napoli distribuite 500 ‘pizze solidali’ ai bisognosi

Pubblicato

il

Napoli pizze solidali

Pizze per scaldare i cuori e deliziare i palati dei tanti che come ogni giorno si sono messi in fila all’esterno della mensa della Caritas di Piazza del Carmine nel cuore di .

E’ la pizza solidale, iniziativa promossa dalla Confesercenti Campania che oggi, grazie alla disponibilita’ di diversi ristoranti e pizzerie, ha donato 500 pizze Margherita e altrettante bevande alla mensa che aiuta le persone bisognose ”Le imprese di Confesercenti hanno raccolto l’invito di Papa Francesco – ha detto il presidente dell’associazione di categoria, Vincenzo Schiavo – gli imprenditori hanno immediatamente colto l’opportunita’ di essere al fianco dei piu’ bisognosi dimostrando allo stesso tempo che non siamo solo quelli che chiedono i ristori ma siamo pronti con il nostro lavoro ad aiutare chi e’ piu’ povero offrendo i nostri prodotti e la nostra manodopera”. In questa seconda ondata, la mensa serve tutti i giorni pasti a circa 450 persone. ”Durante il lockdown di marzo e aprile – ha spiegato padre Francesco Sorrentino, parroco della Basilica del Carmine – servivamo 1400 pasti al giorno, ora sono circa 450 ma purtroppo rispetto a prima della pandemia devo dire che i poveri sono quasi triplicati perche’ purtroppo a c’e’ il lavoro nero, il lavoro non inquadrato che non beneficia degli aiuti. Queste persone sono state penalizzate sia nella prima ondata che adesso”. A tutti coloro che oggi si sono messi in fila, la mensa ha consegnato una pizza, una bevanda ed anche un pasto da poter mangiare stasera per cena. ”Le pizze sono state un dono speciale – ha aggiunto il parroco – e a tutti gli imprenditori diciamo grazie e preghiamo per loro cosi’ come preghiamo perche’ questa pandemia finisca quanto prima, per le vittime del covid e per chi e’ in ospedale”. Da padre Francesco un invito a tutti ad essere ”responsabili indossando sempre la mascherina, lavandosi le mani spesso e mantenendo il distanziamento”. All’esterno della mensa anche un camper di un centro clinico che – come spiegato – su richiesta della Diocesi di ha effettuato tamponi.

 

Continua a leggere

Cronaca Napoli

Napoli, tenta la “truffa dello specchietto”: arrestato 26enne a Posillipo

Pubblicato

il

Napoli truffa dello specchietto posillipo
foto di repertorio

, tenta la “truffa dello specchietto”: arrestato 26enne a Posillipo.

Ieri pomeriggio gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Posillipo, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via A. Manzoni per la segnalazione di un uomo che stava tentando di perpetrare la truffa dello specchietto ai danni di alcuni automobilisti.

I poliziotti hanno trovato due uomini che stavano discutendo animatamente accanto a due veicoli in sosta e uno di essi stava chiedendo all’altro 180 euro sostenendo che gli aveva danneggiato l’autovettura.

Gli agenti hanno accertato che il truffatore, nel tentativo di simulare un danno alla propria auto, aveva invece provocato la rottura dello specchietto retrovisore di quella della vittima.

Alessio Ferdinandi, 26enne pomiglianese con precedenti di polizia, è stato arrestato per tentata truffa aggravata e sanzionato per inottemperanza alla misure anti Covid-19 poiché circolava senza una valida giustificazione; inoltre, nei suoi confronti, è stato avviato il procedimento per l’emissione di un foglio di via obbligatorio dal Comune di .

Continua a leggere

Le Notizie più lette