Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Acerra

‘Sento la tua mancanza fino in fondo all’anima’ la commovente dedica di Ciro a Paola

Pubblicato

in

ciro paola


Una lunga dichiarazione d’amore su Facebook e la posa di una lapide di marmo sul luogo dell’incidente. A un mese dalla morte di , la 18 enne di Caivano  caduta dallo scooter mentre era in fuga con il suo compagno transgender, ricorda cosi’ la sua Paola.

 

Per la morte della giovane e’ agli arresti il fratello, Michele Gaglione, 30 anni, accusato di aver provocato l’uscita di strada dello scooter che lui, in sella a un’altra moto, per gli inquirenti avrebbe inseguito e speronato da Caivano e fino alla vicina Acerra perche’ contrario a quella relazione. Tanti like (oltre 4400) e condivisioni per il post in cui Ciro esprime i suoi sentimenti per la sua ragazza. “Piccola mia – scrive il 22 enne – oggi e’ un mese senza di te, un mese che sento molto la tua mancanza, fino in fondo all’anima. Mi manchi completamente, mi manchi. Darei la mia vita per te, per farti ritornare. Come vorrei che fossi qui con me, per stringerti forte, forte a me. Ogni giorno ti penso amore mio, ogni giorno. Sei sempre stata la parte migliore di me, sempre. Mi mancano i tuoi atteggiamenti da bambina, soprattutto i tuoi occhi. I miei bellissimi occhi marroni.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: ‘Buon viaggio principessa’, commozione e dolore al funerale di Maria Paola

Mi manca tutto, gli abbracci, il tuo sorriso che splende. Come vorrei addormentarmi con te e svegliarmi di nuovo. Eravamo due bambini felici. Tu sei la mia piccola grande donna. L’unica che colma i miei umori. Volevo darti di piu’, ma la vita e’ stata crudele. Vita mia, noi abbiamo vinto contro tutti. Solo la morte ci ha separati. Ma solo fisicamente. Finche’ avro’ vita – si conclude – ti amero’. Nessuno prendera’ il tuo posto, te lo prometto. I love you”. Un pensiero ribadito anche sulla lapide posta dallo stesso Ciro nel luogo della stradina di campagna dove, sbalzata dallo scooter, Paola trovo’ la morte andando a sbattere con la testa contro una colonnina di cemento per l’irrigazione.

 

Nel pomeriggio, intanto, con inizio alle 18,30, si è svolta una fiaccolata promossa da Arcigay al Parco Verde di Caivano, dove risiede la famiglia di Paola: “Un momento aperto a tutti – spiega la presidente di Arcigay Napoli, Daniela Falanga – e non a sostegno di una parte.  Ciro ha voluto fortemente questa iniziativa nel giorno in cui ricorre un mese dalla scomparsa di Paola. Aggiungo, ma e’ solo una singolare coincidenza, che oggi e’ il giorno riconosciuto a livello internazionale come quello del coming out”. Un pensiero per Paola prima di liberare in cielo dei palloncini colorati.

Pubblicità

Acerra

Sequestrata un’autocarrozzeria abusiva ad Acerra

Pubblicato

in

Ieri mattina gli agenti del Commissariato di Acerra e personale della Polizia Metropolitana di Napoli hanno effettuato un servizio di contrasto al fenomeno delle attività commerciali illecite.

I poliziotti hanno controllato un’autocarrozzeria di via Contrada San Giovanni accertando che il gestore era privo di qualsiasi autorizzazione; inoltre, nello spazio esterno dell’officina hanno notato tre persone che, alla loro vista, hanno tentato la fuga ma sono state bloccate.
Nella struttura sono state trovate 11 auto parzialmente smontate e diverse attrezzature da lavoro, mentre nel cortile sono stati sequestrati 4 metri cubi di rifiuti di veicoli quali sportelli, cofani, paraurti e diversi arnesi per l’illecito esercizio di riparazione.

Il gestore, un 39enne napoletano con precedenti di polizia, è stato denunciato per abbandono di rifiuti, per mancanza delle autorizzazioni per gli impianti di smaltimento, nonché per assenza dei registri di recupero dei rifiuti e di emissioni in atmosfera mentre le tre persone, dipendenti dell’attività, sono state denunciate per resistenza a Pubblico Ufficiale; inoltre, la proprietaria del locale è stata denunciata per stoccaggio di rifiuti e abusivismo edilizio poiché i capannoni adibiti ad officine erano privi di qualunque titolo autorizzativo.

Infine, è emerso che una delle autovetture aveva il numero di telaio non corrispondente a quello riportato sulla carta di circolazione e, per tale motivo, il proprietario è stato denunciato per ricettazione.
Il locale, le vetture e le attrezzature rinvenute sono stati sottoposti a sequestro.

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette