Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

La Germania mette anche Campania e parti Liguria nelle zone a rischio Covid

Pubblicato

in



La Germania mette anche Campania e parti nelle zone a rischio Covid.

La Germania ha dichiarato zone a rischio Covid la Campania, ivi comprese ovviamente Napoli, la costa amalfitana, Capri e Ischia, e la zona costiera della . A seguito dei forti aumenti di contagi, sono state classificate come aree a rischio anche i Paesi Bassi nella loro totalita’, quasi tutta la Francia, Malta, la Slovacchia e alcune zone della Polonia. Lo riferisce il Robert Koch Institut, il centro epidemiologico nazionale, sulla sua pagina Internet.

Tra le altre zone colpite, otto regioni della Svizzera (compreso il cantone di Zurigo), alcune zone della Svezia, della Finlandia, della Gran Bretagna e dell’Irlanda, ma anche della Croazia, del Portogallo, della Slovenia e dell’Ungheria. Come aggiunge lo Spiegel Online, ci si attende che il ministero degli Esteri tedesco pubblichi per tutte le nuove aree a rischio i corrispondenti avvertimenti di viaggio. Un Paese oppure una determinata regione sono dichiarati zona a rischio se superano le 50 nuove infezioni su 100 mila abitanti nel corso dei sette giorni.

Oramai sono circa 130 i Paesi nei quali si sconsiglia di viaggiare a causa della diffusione della pandemia del coronavirus. Di per se’ la classificazione di zona a rischio non equivale ad un divieto di recarvisi in viaggio, ma certamente intende essere come deterrente. Chi rientra da tali zone, attualmente deve sottoporsi ad una quarantena di 14 giorni, che puo’ essere abbreviata se si presentera’ un tampone negativo. Dal prossimo 8 novembre, la quarantena sara’ ridotta a 10 giorni, ma un testi anti-Covid potra’ essere eseguito solo al quinto giorno dal rientro in Germania.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Morto di covid un uomo di 76 anni di Torre del Greco

Pubblicato

in

Morto di covid un uomo di 76 anni di Torre del Greco. E’ la ventiduesima vittima.

Ancora un morto da Covid-19 a Torre del Greco, il secondo relativo alla cosiddetta ”seconda ondata”. A comunicare il decesso e’ stato, in occasione del consueto aggiornamento dal Centro operativo comunale, il sindaco della citta’ vesuviana Giovanni Palomba, che fa sapere – attraverso una nota – che si tratta di un uomo di 76 anni. Al contempo il primo cittadino, sentite Asl Napoli 3 Sud e unita’ di crisi regionale, ha annunciato anche 22 nuovi casi di positivita’ al Coronavirus, uno dei quali ospedalizzato; l’aggravamento di un soggetto risultato contagiato nei giorni scorsi e costretto al ricovero presso un Covid Center regionale; l’avvenuta guarigione di undici persone in precedenza risultate positive.

Questo il bollettino:
Undici nuove guarigioni sono state registrate, nella giornata odierna, a Torre del Greco.
Certificati anche 22 ulteriori casi di positività al COVID- 19, di cui 1 ospedalizzato e i restanti 21 in forma asintomatica.
Attestato, inoltre, il passaggio – di un soggetto positivo – dall’isolamento domiciliare, al regime ospedaliero, e, il contestuale cambiamento di provincia di un altro cittadino positivo.
Accertato anche un decesso.
Si tratta di A. F., classe 1944.
È quanto comunicato dal Centro Operativo Comunale – dopo il consueto aggiornamento serale con i Responsabili sanitari dell’​ASL Na3 Sud​ e con l’​Unità di Crisi Regionale – che conferma l’isolamento domiciliare per i ventuno soggetti asintomatici.
Continua, così, a mutare il bilancio della​ duecentoventottesima giornata consecutiva di attività del ​ C.O.C.:​
Totale ospedalizzati:​ 8;
Totale in isolamento domiciliare:​ 300;
Totale guariti dal COVID 172;
Totale decessi:​ 22;
Totale tamponi giornalieri: 200 (178 Negativi; 22 Positivi).
Prosegue, nel frattempo, l’ulteriore attività di screening ​ dei tamponi di già praticati sul territorio comunale e ancora al vaglio delle indagini di laboratorio.
Istituito, inoltre, dall’ ASL, un ulteriore numero verde al quale è possibile rivolgersi – tutti i giorni – dalle ore 8.00 alle ore 20.00: 800936630.
Il C.O.C. precisa, altresì – ai fini di una più agevole ed immediata comunicazione con i cittadini – che coloro ai quali è stato praticato il tampone e che restano, al momento, in attesa di conoscerne l’esito possono – nel pieno rispetto e tutela della privacy – rivolgersi al numero telefonico 0818830736
reperibile tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.30 e dalle ore 14.00 alle ore 15.45.
Istituito anche un secondo numero di linea: 0818497030 reperibile nei medesimi giorni ed orari.

Continua a leggere

Coronavirus

A Casoria 570 positivi e il sindaco dice ai cittadini: ‘Uscite solo se necessario’

Pubblicato

in

Continua a crescere senza freni il contagio da covid-19 a Casoria. L’ultimo bollettino parla di 570 contagiati con 4 deceduti e 132 guariti.

 

Il sindaco Raffaele Bene ha lanciato un appello attraverso la sua pagina facebook: “Siamo soli. Faccio un appello al governo che sia vicino alle istituzioni locali. Se chiusura ci deve essere la soluzione deve essere accompagnata da aiuti di natura economica. Ai cittadini di Casoria rivolgo un appello alla responsabilità perché non tutti rispettano le regola. Cercate di uscire solo se necessario. I contagiati crescono, La curva cresce sempre di più ma il sistema sanitario è al collasso. Con posti per i ricoverati che diventano sempre di meno. E’ un momento difficile serve buon senso e responsabilità da parte di tutti”

Continua a leggere

Le Notizie più lette