Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Musica

IZimbra Music Fest: Suonno d’ajere e Il Tesoro di San Gennaro in concerto a Napoli

Pubblicato

in



. presenta, giovedi 17 settembre 2020, Suonno D’ajere in concerto.
Venerdi 18 settembre Il Tesoro di San Gennaro + special guests in concerto.
I due concerti si svolgeranno presso Cortile del Complesso di San Domenico Maggiore (Vico S. Domenico Maggiore – Napoli)

 

 

Nel cartellone di “Estate a Napoli 2020” programmato dal Comune di Napoli, si svolge la prima edizione di IZimbra Music Fest, rassegna musicale dedicata alla world music, contaminazione e condivisione di tradizioni popolari e culture mediterranee.

La canzone napoletana non è una reliquia da museo. Non è un corpo senza ossigeno da dover mummificare. I suoi spartiti, le sue copielle, non sono pergamene da santificare bensì testamenti da celebrare. Questa l’intuizione e l’ambizione del trio composto da Irene Lupe Scarpato (canto), Marcello Smigliante Gentile (mandolino, mandoloncello) e Gian Marco Libeccio (chitarra classica). L’ensemble – che nel nome evoca il singolo omonimo realizzato da Pino Daniele nel disco d’esordio Terra mia (1977), quale ideale punto di connessione tra il classicismo mediterraneo e la ostinata ricerca di essere contemporanei viaggia dentro le melodie e i ritmi, e circumnaviga le serenate e le canzoni umoristiche per far tornare alla luce – oggi – quel mistero e quella sapienza compositiva e di interpretazione che ha reso la canzone napoletana una disciplina e un patrimonio immateriale.

Il Tesoro di San Gennaro è un viaggio musicale e visivo condotto attraverso la tradizione antica e ricchissima di una città troppo spesso raccontata nell’evidenza più superficiale del suo folclore. Un vibrante progetto artistico sperimentale in cui la musica dialoga con le arti visive e con il teatro e i brani della tradizione musicale napoletana sono rielaborati in chiave elettronica. Per l’occasione il duo diventa un super combo da 9 elementi, tutti musicisti di eleata qualità e con esperienza decennale.
Formazione dal vivo: Salvio Vassallo, batteria, synth, visuals; Valentina Gaudini, Voce; Luigi Scialdone, chitarra, mandolino; Ernesto Nobili, chitarre; Caterina Bianco, violino, tastiere; Antonio Esposito, batteria; Emidio Ausiello percussioni; Dario Mancuso, chitarre; Lello Somma, basso.

Nel magnifico scenario del Chiostro San Domenico Maggiore di Napoli è iniziata la prima edizione della rassegna IZimbra Music Fest che si svolge in quattro tappe. Dopo il sold out del concerto degli Ars Nova Napoli il 17 e 18 settembre si svolgeranno altri due concerti simbolo della contaminazione e integrazione culturale. La rassegna si concluderà il 24 settembre con il ritorno a Napoli del frontman degli Almamegretta. Raiz si esibirà con il quartetto Radicanto.

Nata per volontà dell’Associazione IZimbra Culture la rassegna, curata da Chiara Savelli e Marcello Squillante, ha l’obiettivo di proporre la città di Napoli al centro di attività musicali dedite alla contaminazione artistica, lo scambio culturale e l’interazione tra musicisti di estrazione diversa ma accumunati dallo spirito migrante che vede Napoli come baricentro grazie al ruolo strategico al centro del Mediterraneo con le sue molteplici sonorità.
“Napoli Folks” si articola in 4 concerti di artisti affermati ma anche di giovani talenti che portano avanti con originalità e passione progetti di ricerca e valorizzazione della tradizione.

Quattro formazioni con diversi percorsi artistici uniti però da un unico filo conduttore: la visione della musicalità della propria città come partenza per seguire i diversi intrecci e le numerose contaminazioni di linguaggi e culture.
L’ itinerario musicale proposto traccia una mappa sonora ricca di suggestioni che scaturiscono dalla ricchezza delle culture popolari del sud e del Mediterraneo e della tradizione della canzone napoletana di cui si vuole esplorare un repertorio meno conosciuto e proporre un racconto moderno, slegato dall’immagine cristallizzata di una Napoli da cartolina.

 

| Ultimo appuntamento in programma il 24 settembre con Raiz & Radicanto |

 

Ticket per singola data: 10€ + ddp (posto unico)
Inizio concerti ore 21:00
Apertura porte: 20:30
ATTENZIONE!!! POSTI LIMITATI!!!!
Si consiglia di effettuare l’acquisto in prevendita on-line per assicurarsi il posto e per facilitare le operazioni all’ ingresso nel rispetto delle misure di prevenzione anticovid.
ACQUISTA ORA:

17 settembre: www.eventbrite.it/e/biglietti-suonne-dajere-in-concerto-i-zimbra-music-fest-114824065872?aff=ebdssbeac
18 settembre: www.eventbrite.it/e/biglietti-il-tesoro-di-san-gennaro-i-zimbra-music-fest-114825590432

 

Il Tesoro di San Gennaro

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Musica

Napoli. Emis Killa & Jake La Furia presentano il loro nuovo album di inediti, 17

Pubblicato

in

Emis Killa & Jake La Furia presentano il loro nuovo album di inediti: “17”

 

 

Giovedì 24 settembre, a partire dalle ore 14:30, Emis Killa & Jake La Furia presentano presso la Sala 1 del The Space Cinema di Napoli (Viale Giochi del Mediterraneo), il loro nuovo album di inediti “17”, che inaugura la prima collaborazione insieme dei due artisti.

L’evento si svolgerà in totale sicurezza e nel rispetto delle normative anticovid. Sarà possibile infatti partecipare acquistando da venerdì 18 settembre fino al giorno dell’instore la propria copia fisica nel punto vendita Feltrinelli di via Santa Caterina a Chiaia, 23 ang. Piazza Dei Martiri. All’acquisto, verrà consegnato un pass per partecipare con gli orari specifici e un modulo con tutte le info da presentare firmato il giorno dell’evento.

Distribuito da Sony Music, l’album contiene 16 inediti, scritti interamente da Emis e Jake, e “Malandrino”, la traccia che ha anticipato l’uscita dell’album.

Dopo oltre 15 anni di carriera alle spalle che hanno segnato la storia dell’hip hop italiano, con “17” Emis Killa e Jake La Furia, legati da uno stretto e sincero rapporto di amicizia, si uniscono per la prima volta in un progetto discografico volto a celebrare la scuola che ha reso il rap il genere più ascoltato e di successo in Italia oggi, fondendo le tecniche, lo stile e il flow di entrambi.

Numerose sono le collaborazioni con i migliori esponenti della scena rap di oggi presenti nel disco, che spaziano tra i diversi generi hip hop: da Salmo e Fabri Fibra, colonne portanti del genere, a Lazza e Massimo Pericolo, tra i più interessanti e apprezzati esponenti della nuova scuola, fino a Tedua, rappresentante del drill.

Emis Killa ha commentato: “Quando mi avvicinai al rap italiano ero solo un ragazzino, pieno di conflitti interiori, di sogni, e di talento, anche se allora non lo sapevo ancora. I rapper che ascoltavo a quei tempi erano per me dei fratelli maggiori, chi più chi meno mi ha insegnato qualcosa, direttamente o no, nella musica e nella vita. Tra tutti però, Jake è quello che più mi motivò a provarci. Nonostante la mia ascesa, e il mio diventare “uno del giro”, ho sempre vissuto la sua musica da fan, anche dopo esserci conosciuti ed essere diventati molto amici. E da suo fan, oggi desideravo ascoltare un suo disco di quelli scritti con l’attitudine di strada, la stessa che mi ispirò diciassette anni fa. Mai avrei immaginato che lo avremmo scritto insieme”.

La prima volta che vidi Emis Killa era piccolo, arrogante e lampadato. Ma aveva quel fuoco negli occhi che ti faceva capire che ce l’avrebbe fatta. Aveva fame. E talento. Col tempo è diventato un grande rapper, ed è diventato un grande amico, e questo è molto più difficile, ve lo assicuro. Ho sempre pensato che se un giorno qualcuno avesse raccolto la mia eredità, sarebbe stato lui. Non potevo immaginare che avremmo iniziato questo processo facendo un disco insieme” – ha dichiarato Jake La Furia.

Amici e colleghi da molti anni, con oltre 20 dischi di platino all’attivo e hit che hanno segnato intere generazioni, hanno già collaborato nei brani di successo “Di tutti i colori”, “Non è facile”, “Fuoco e Benzina” e molti altri. Il duo rap che più ha influenzato la scena italiana è ora pronto a sorprendere il pubblico con le proprie rime in “17”, il primo album di inediti realizzato insieme.

Continua a leggere



Musica

Raiz e Radicanto in concerto per l’ultimo appuntamento di IZimbra Music Fest – Napoli folks

Pubblicato

in

Raiz & Radicanto in concerto: giovedi 24 settembre presso il Cortile del Complesso di San Domenico Maggiore (Vico S. Domenico Maggiore – Napoli).
Ticket: 12€ + ddp (posto unico)

 

 

 

Con il concerto di Raiz & Radicanto nel cuore di Napoli, si conclude la prima edizione della Rassegna .

IZImbra Music fest si è brevemente affermata come la rassegna napoletana di world music!

Nata per volontà dell’associazione IZimbra Culture diretta da Chiara Savelli e Marcello Squillante, e inserita nella programmazione comunale Estate a Napoli 2020; IZimbra Music fest ha proposto con successo i concerti di Ars Nova, Suonno D’ajere e Il Tesoro di San Gennaro raccogliendo sold out e radunando un pubblico attento e caloroso che ha dimostrato la voglia di musica di qualità e contaminata dove la tradizione è pilastro portante e l’innovazione e l’esplorazione dei suoni un viaggio che arricchisce l’ascoltatore.

Tieniti aggiornato sul sito https://www.izimbraculture.it/

A chiudere la programmazione della prima edizione della rassegna sarà Raiz, la storica voce degli Almamegretta quì accompagnata dai Radicanto. Il poliedrico cantante si ripresenta in città dopo molti anni di assenza e lo farà con un concerto intenso e raffinato in cui alla proposta di brani tradizionali affianca una scrittura originale con nuove composizioni: cantighe sefardite, mediorientali, asiatici con lingue e linguaggi che si inseguono. Una musica immaginaria mediterranea e meticcia destrutturando la canzone napoletana, i salmi e il fado portoghese mischiandosi con ritmi nordafricani, mediorientali ed asiatici e bagnandosi nel Mediterraneo realtà panregionale e senza frontiere.

La formazione in quartetto vede oltre Raiz alla voce, Giuseppe De Trizio alle chitarre, Adolfo La Volpe oud e chitarre e Francesco De Palma alle percussioni, zarb, cajon, tamburi a cornice, tar, riqq.

“Musica Immaginaria Mediterranea” – questo il titolo dello spettacolo – arriva così anche nel centro antico di Napoli, indiscussa Capitale del Mediterraneo, crocevia di anime migranti e culture meticce.
Una proposta artistica raffinata in cui l’universo sonoro di voci che si intrecciano a ritmi cadenzati, gli echi delle corde, delle pelli e dei papiri, scivolano come rivoli di un racconto che cattura l’ascoltatore e lo conduce altrove, in un confronto culturale ricco e appagante.

Continua a leggere



Le Notizie più lette