Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Italia

Fidanzati uccisi, l’assassino confessa. Sui social aveva scritto: ‘La vendetta lascia soddisfatti’

Pubblicato

in



Fidanzati uccisi, l’assassino confessa. Sui social aveva scritto: ‘La vendetta lascia soddisfatti’

” Si, sono stato io”.Ha confessato di essere stato lui ad uccidere, Antonio De Marco, lo studente 21 enne arrestato ieri sera per l’omicidio di e della sua fidanzata Eleonora Manta.La confessione e’ avvenuta nella notte davanti al procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris che lo ha interrogato nella caserma dei carabinieri. La notizia della confessione e’ stata confermata dalla Procura. Ieri sera al termine della conferenza stampa era stato lo stesso Procuratore ad augurarsi che il giovane potesse confessare.

“Nonostante le ripetute invocazioni a fermarsi urlate dalle vittime l’indagato proseguiva nell’azione meticolosamente programmata inseguendole per casa , raggiungendole all’esterno senza mai fermarsi. La condotta criminosa, estrinsecatasi nell’inflizione di un notevole numero di colpi inferti anche in parti non vitali (il volto di De Santis) e quindi non necessari per la consumazione del reato, appare sintomatico di un’indole particolarmente violenta, insensibile ad ogni richiamo umanitario”. E’ quanto si legge nel provvedimento di fermo nei confronti del 21enne Antonio De Marco accusato del duplice omicidio dei due fidanzati di Lecce.

Il duplice omicidio di e Eleomnora Manta potrebbe essere stato motivato da semplice quanto inossidabile e feroce desiderio di “vendetta”. “Il 3 luglio – si legge nell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei Antonio De Marco, il 21enne studente di Scienze infermieristiche arrestato lunedi’ sera perche’ sospettato del crimine- sul proprio profilo personale del social network Facebook De Marco Giovanni Antonio pubblicava un post tratto dal blog ‘Universo psicologia’ dal titolo ‘il desiderio di vendetta’ che stigmatizzava tale sentimento, riportando il seguente commento: ‘Un piatto da servire freddo…e’ vero che la vendetta non risolve il problema ma per pochi istanti ti senti soddisfatto’ accompagnandolo con due faccine sorridenti”.

Tre giorni prima, il 6 luglio, De Marco – spiega l’ordinanza – aveva chiesto a De Sanntis di affittargli la stanza in cu aveva alloggiato durante il tirocinio universitario. De Santis ne aveva scritto a Manta: “Nella medesima data sulle utenze delle vittime – riporta l’ordinanza – rimaneva memorizzata una chat nel corso della quale, dopo che De Santis aveva preannunciato a Manta la richiesta di locazione “dell’infermiere”, entrambi commentavano con una risata, scrivendo testualmente ‘ahah…’, il possibile ritorno del medesimo e la ragazzza chiosava scrivendo ‘tutto torna come prima XD'”. “Tale scambio di battute – sottolinea il magistrato – e’ da rcondurre verosimilmente alla volonta’ dei due di deridere il ragazzo” in merito a quanto accaduto nella casa durante la precedente permanenza di De Marco. Dal 30 ottobre del 2019 al 30 novembre dello stesso anno, infatti, De marco aveva condiviso l’appartamento con Eleonora Manta, ma la coabitazione non era stata facile, secondo quanto ha riferito una testimone amica della donna: “Eleonora…ultimamente non si trovava a suo agio…perche’ l’appartamento era condiviso da altre persone”.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

L’Italia tra i primi paesi ad avere il vaccino anti covid

Pubblicato

in

vaccino italia

L’Italia tra i primi paesi ad avere il vaccino anti covid. In arrivo 3 milioni dosi delle prime 20-30 milioni prodotte.

Delle prime 20-30 milioni di dosi del vaccino contro il Covid messo a punto dall’universita’ di Oxford, in Italia dovrebbero arrivarne 2-3 milioni. Lo ha affermato in un’intervista a Fanpage.it Piero Di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia, azienda italiana che sta contribuendo allo sviluppo. “Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha fatto un miracolo a riuscire ad inserirsi nel gruppo di testa dei paesi europei che hanno prenotato il vaccino, e quindi l’Italia e’ in una condizione di vantaggio – ha affermato -. Di quelle 20 – 30 milioni di dosi di cui parlavo, nel nostro Paese ne arriveranno subito 2 o 3 milioni”.

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette