Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Coronavirus

Anche la moglie di De Laurentiis positiva al coronavirus. Il presidente del Napoli potrebbe essere trasferito al Gemelli

Pubblicato

in



Anche la moglie di , Jacqueline, vicepresidente del Calcio Napoli, è risultata positiva al coronavirus.

 

Il patron del Napoli si trova attualmente a Capri, dove si è recato circa una settimana fa dopo aver lasciato il ritiro della squadra a Castel di Sangro al termine dell’amichevole con il Teramo. Nella giornata di ieri, De Laurentiis ha viaggiato da Capri a Napoli e poi da Napoli a Milano per partecipare all’assemblea della Lega Serie A, e ha fatto ritorno in serata sull’isola. Secondo quanto si apprende le sue condizioni sono buone, anche se avverte una leggera debolezza. Anche alla luce della sua età, 71 anni, i suoi medici stanno valutando la possibilità di suggerire un trasferimento a Roma per un controllo approfondito all’ospedale Gemelli.

Ieri, secondo quanto si apprende da fonti del Napoli, Aurelio De Laurentiis non aveva sintomi che potessero fargli pensare di essere positivo al Covid: avvertiva solo un leggero mal di stomaco che aveva attribuito a del pesce mangiato la sera prima. Il presidente, fanno notare le fonti azzurre, e’ molto attento alle proprie condizioni fisiche e se avesse avvertito sintomi non avrebbe mai intrapreso un viaggio in nave e aereo da Capri a Milano e ritorno nella stessa giornata come invece ha fatto.Il presidente del Napoli, come la squadra e gli altri dirigenti azzurri, fa infatti il test ogni martedi’ e giovedi’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Coronavirus: Gimbe, quasi 34 mila positivi, nuovi casi +10,5%

Coronavirus, quasi 900mila morti nel mondo: negli Usa superati i 190mila

Nell’assemblea di Lega di ieri a Milano erano presenti tutti i rappresentanti delle 20 societa’ di Serie A, tra presidenti e dirigenti. All’arrivo, tra gli altri, indossavano una mascherina il presidente della Juventus Andrea Agnelli, l’ad dell’Inter Beppe Marotta, il presidente del Milan Paolo Scaroni, il patron della Lazio Claudio Lotito e anche i dirigenti della Lega come il presidente Paolo Dal Pino e l’ad Luigi De Siervo, mentre, oltre a De Laurentiis, alcuni altri dirigenti non hanno utilizzato alcuna protezione ne’ all’ingresso all’Hotel Hilton ne’ all’uscita. Nel corso della riunione tutti erano seduti a circa un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro, rispettando le norme relative al distanziamento. A questo punto dovrebbero scattare le procedure obbligatorie per chi e’ entrato in contatto con De Laurentiis, compresi gli altri presidenti e dirigenti dei club.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Vaccino Coronavirus, il ministro Speranza: ‘Se tutto ok lo avremo a fine anno’

Pubblicato

in

vaccinio coronavirus

Vaccino Coronavirus, il ministro Speranza: ‘Se tutto ok lo avremo a fine anno’.

 

Sul vaccino contro il coronavirus “come Unione Europea stiamo chiudendo un pacchetto 6+1, quello di AstraZeneca, che coinvolge nella produzione anche l’Italia, è uno dei sei ed è in fase più avanzata. II contratto prevede, se la sperimentazione andrà bene, che le prime dosi possano arrivare a fine anno”. Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, in una intervista al Quotidiano Nazionale.

“La sicurezza del vaccino per noi è un elemento essenziale – aggiunge -. Ma presto arriveranno anche cure innovative. A Siena ad esempio il professor Rappuoli e la sua squadra stanno facendo un lavoro prezioso sugli anticorpi monoclonali”. E sulla riduzione a dieci giorni della quarantena per gli asintomatici sottolinea: “Il Cts ha cominciato a discuterne e ci confronteremo anche con gli altri Paesi europei per provare a determinare una gestione omogenea sul territorio europeo. Sarà l’evidenza scientifica a guidarci nella scelta. A oggi Oms ed Ecdc confermano la quarantena di 14 giorni”.

Continua a leggere



Coronavirus

Coronavirus, un altro operaio contagiato alla Fca di Pomigliano

Pubblicato

in

Coronavirus, un altro operaio contagiato alla Fca di Pomigliano.

 

La comunicazione è stata fatta stamane ai lavoratori dei responsabili sindacali aziendali delle varie sigle presenti “L’azienda ci ha appena comunicato che un lavoratore della logistica ha dichiarato di essere risultato positivo al coronavirus- si legge nel comunicato- lo stesso risulta assente dal 6 settembre, ora è ricoverato in ospedale non in gravi condizioni.

L’azienda si è adoperata da subito alla sanificazione della sua area di lavoro e delle altre aree comuni al lavoratore come previsto dal protocollo.
Sempre sulla base dell’attuale procedura interna sono stati individuati i contatti stretti, che a partire da oggi  resteranno in quarantena”.

Continua a leggere



Le Notizie più lette

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?