Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Anche la moglie di De Laurentiis positiva al coronavirus. Il presidente del Napoli potrebbe essere trasferito al Gemelli

Pubblicato

il

moglie di De Laurentiis positiva al coronavirus


Anche la moglie di Aurelio De Laurentiis, Jacqueline, vicepresidente del Calcio Napoli, è risultata positiva al coronavirus.

 

Il patron del Napoli si trova attualmente a Capri, dove si è recato circa una settimana fa dopo aver lasciato il ritiro della squadra a Castel di Sangro al termine dell’amichevole con il Teramo. Nella giornata di ieri, De Laurentiis ha viaggiato da Capri a Napoli e poi da Napoli a Milano per partecipare all’assemblea della Lega Serie A, e ha fatto ritorno in serata sull’isola. Secondo quanto si apprende le sue condizioni sono buone, anche se avverte una leggera debolezza. Anche alla luce della sua età, 71 anni, i suoi medici stanno valutando la possibilità di suggerire un trasferimento a Roma per un controllo approfondito all’ospedale Gemelli.

Ieri, secondo quanto si apprende da fonti del Napoli, Aurelio De Laurentiis non aveva sintomi che potessero fargli pensare di essere positivo al Covid: avvertiva solo un leggero mal di stomaco che aveva attribuito a del pesce mangiato la sera prima. Il presidente, fanno notare le fonti azzurre, e’ molto attento alle proprie condizioni fisiche e se avesse avvertito sintomi non avrebbe mai intrapreso un viaggio in nave e aereo da Capri a Milano e ritorno nella stessa giornata come invece ha fatto.Il presidente del Napoli, come la squadra e gli altri dirigenti azzurri, fa infatti il test ogni martedi’ e giovedi’.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Coronavirus: Gimbe, quasi 34 mila positivi, nuovi casi +10,5%

Coronavirus, quasi 900mila morti nel mondo: negli Usa superati i 190mila

Nell’assemblea di Lega di ieri a Milano erano presenti tutti i rappresentanti delle 20 societa’ di Serie A, tra presidenti e dirigenti. All’arrivo, tra gli altri, indossavano una mascherina il presidente della Juventus Andrea Agnelli, l’ad dell’Inter Beppe Marotta, il presidente del Milan Paolo Scaroni, il patron della Lazio Claudio Lotito e anche i dirigenti della Lega come il presidente Paolo Dal Pino e l’ad Luigi De Siervo, mentre, oltre a De Laurentiis, alcuni altri dirigenti non hanno utilizzato alcuna protezione ne’ all’ingresso all’Hotel Hilton ne’ all’uscita. Nel corso della riunione tutti erano seduti a circa un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro, rispettando le norme relative al distanziamento. A questo punto dovrebbero scattare le procedure obbligatorie per chi e’ entrato in contatto con De Laurentiis, compresi gli altri presidenti e dirigenti dei club.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

Covid, Fincantieri lancia il progetto pilota screening a Castellammare

Pubblicato

il

Pubblicità'

fincantieri
Foto da Google
Pubblicità'

La Fincantieri di Castellammare di Stabia si fa protagonista di un “progetto pilota” per lo screening con test rapido per l’individuazione di lavoratori in azienda che hanno contratto il Covid-19.

Lo screening sara’ condotto sui dipendenti e le tute blu dell’indotto, fino al prossimo 31 gennaio 2021. A cadenza settimanale, saranno effettuati 50 prelievi che interesseranno una platea di 1.220 lavoratori: 570 dipendenti diretti e 650 dell’indotto Fincantieri. La societa’ di Trieste ha firmato oggi un protocollo d’intesa con l’Unione degli Industriali di Napoli e con l’Asl Napoli 3 Sud, competente per territorio, in base al quale i dipendenti del cantiere navale di Castellammare di Stabia saranno sottoposti – su base volontaria – ai test rapidi, per rilevare eventuali casi di positivita’ anche asintomatici e scongiurare il propagarsi della pandemia negli ambienti di lavoro. E

ventuali positivita’ indurranno poi l’azienda a sottoporre i soggetti interessati a ulteriori approfondimenti con un tampone Rna. Per il lavoratore che risultera’ positivo al Covid-19, scatteranno le norme di prevenzione e di isolamento sanitario previste. L’attestazione di fine quarantena e di fine isolamento domiciliare fiduciario sara’ attestata dalla Asl Napoli 3 Sud secondo il criterio epidemiologico. La sede di effettuazione dei test rapidi sara’ resa disponibile dalla Fincantieri, all’interno del perimetro dello stabilimento. Il personale infermieristico specializzato sara’ fornito dall’Asl Napoli 3 Sud.

I tamponi saranno processati dai laboratori privati accreditati autorizzati ad effettuare test molecolari per SARS CoV-2 che operano secondo le indicazioni regionali. A cadenza settimanale, saranno effettuati 50 prelievi che interesseranno una platea di 1.220 lavoratori: 570 dipendenti diretti e 650 dell’indotto Fincantieri. Hanno firmato il protocollo d’intesa il direttore dello stabilimento di Castellammare di Stabia, Gilberto Tobaldi, il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud, Gennaro Sosto, e per l’Unione degli Industriali di Napoli, Michele Lignola.

Le Notizie più lette