Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Attualità

Fiaccolata in ricordo di Mario Cerciello Rega

Pubblicato

in



Lacrime, preghiere e tanta commozione a Roma, nel quartiere Prati, dove ieri sera una fiaccolata ha voluto rendere omaggio a , il vice brigadiere dei Carabinieri, ucciso la notte tra il 25 e il 26 luglio dello scorso anno.

 

Un evento voluto e organizzato dalla segreteria nazionale Sim Carabinieri e dalla segreteria regionale Sim CC Lazio e un modo, affermano gli organizzatori, per “mantenere vivo il ricordo di Mario, della sua generosità, del suo altruismo”. “Morto a causa dell’ingiustizia e dell’indifferenza. Mario ha dato tutto se stesso”, hanno dichiarato insieme i tre parroci presenti che hanno letto il rosario e dato la benedizione ai presenti.

In tanti hanno voluto partecipare al suo ricordo, proprio lì, in Via Pietro Cossa, dove l’anno scorso undici coltellate ferirono a morte il vice brigadiere. Per il delitto sono a processo due studenti americani, e La famiglia è rimasta a lungo in silenzio, a pregare, ancora visibilmente distrutta dal lutto. “Un dolore troppo grande”, si è lasciata sfuggire la vedova Cerciello Rega, Rosa Maria Esilio, che, con un filo di voce, ha ringraziato tutti i partecipanti.

“Ci inginocchiamo per Mario e per tutte le vittime delle violenza gratuite. Il nostro vice brigadiere è morto mentre faceva il suo lavoro, non lo dimenticheremo mai. Il suo ricordo è sempre vivo e saremo qui, ogni anno, finché non otterremo giustizia”, ha dichiarato Antonio Serpi, segretario generale Sim Carabinieri. “Mario è uscito come tutti i giorni e non è più tornato a casa dalla sua famiglia. Un giorno ci dovranno spiegare il perché”, ha concluso.

Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Camorra: sequestrati 10mila euro in contanti e orologi per 60mila nelle case dei Moccia a Roma

Pubblicato

in

Sequestrati dai carabinieri nelle abitazioni di Angelo Moccia e Francesco Varsi, tra gli arrestati dell’operazione di ieri che ha portato a 13 misure cautelari e al sequestro di 14 locali nel centro di Roma, altri 10mila euro in contanti e 10 orologi di pregio, del valore complessivo di oltre 50mila euro, ritenuti provento delle attivita’ illecite dell’organizzazione.

I carabinieri avevano gia’ dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di beni, anche ai fini della confisca, del valore complessivo di circa 4 milioni di euro, ricostruito e individuato nel corso delle indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma. Nell’ordinanza di custodia cautelare si evidenzia che “in diverse conversazioni intercettate si comprende come il mantenimento di un tenore di vita alto, l’uso di macchine molto costose, il reperimento di immobili di pregio, fanno parte di uno stile di vita che i camorristi, ed in particolare il clan Moccia, ostentano al fine di esercitare maggiore influenza sulle persone vicine ed estendere la rete di contatti che permette loro di infiltrarsi nell’economia legale”. “Se c’ho un F12… F12 targato F12 immatricolato dodici, dodici, duemila dodici (12.12.2012)… cioe’ per chi e’ collezionista e’ una cosa… ” avrebbe detto lo stesso Angelo Moccia in una conversazione intercettata.

Continua a leggere



Coronavirus

Coronavirus, nuova crescita in Italia: 1851 nuovi casi e 19 morti

Pubblicato

in

coronavirus italia

Coronavirus, nuova crescita in Italia: 1851 nuovi casi e 19 morti. Effettuati 105.564 tamponi.

 

Ancora in crescita i nuovi contagi da coronavirus in Italia: 1.851 nuovi casi oggi, contro i 1.648 di ieri, ma con molti piu’ tamponi, 105.564 rispetto ai 90.185 processati ieri. Il totale dei casi di positivita’ sale cosi’ a 314.861. In calo i decessi, 19 oggi (ieri 24), per un totale di 35.894. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

I guariti in piu’ sono 1.198 (ieri 1.316) e sono ora 227.704. La regione con piu’ casi oggi e’ la Campania (+287), seguita da Lazio (+210) e Lombardia (+201), stessa situazione di ieri. Non c’e’ nessuna regione a zero contagi, quelle che che stanno meglio sono Valle d’Aosta e Molise con sei nuovi casi. Aumentano anche gli attualmente positivi (+633 mentre ieri erano stati 307) per un totale di 51.263. Calano di una unita’ i ricoveri in regime ordinario: 3047, quando ieri si era registrato un +71, mentre le terapie intensive salgono di 9 unita’ (ieri 7), e sono 280. Infine, in isolamento domiciliare ci sono 47.936 persone (625 piu’ di ieri).

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette