“La pubblicazione del decreto dei ministeri del Lavoro e dell’Economia contenente il riparto delle risorse destinate alla cassa integrazione in deroga è, senza dubbio, una misura importante e tempestiva nella gestione dell’emergenza Covid-19 nel mondo del lavoro. Ma riteniamo nel contempo insufficienti le risorse destinate alla Campania – pari a 1 milione e 640mila euro – in quanto le proiezioni dell’Inps sulla platea dei lavoratori non coperti da ammortizzatori (240mila lavoratori) è sottostimata. Riteniamo, alla luce del nostro monitoraggio effettuato in questi giorni, che accanto alla platea indicata ce ne saranno altri migliaia. Appena il portale della Regione Campania sarà in linea, a quelle già richieste si affiancheranno migliaia di richieste di cassa integrazione in deroga per le attività al di sotto dei 5 dipendenti.

LEGGI ANCHE  Mareggiata a Positano: completamente allagato il lungomare. Danni ai ristoranti, ai bar e a tutte le altre attività

I fondi stanziati sono quindi insufficienti e va richiesto al Governo di anticipare da subito anche le risorse oggi allo studio per il mese di aprile. Confidiamo, infine, che il Presidente De Luca e l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri riescano nell’emergenza a individuare anche nei fondi europei non utilizzati dalla Regione, una possibile soluzione da prospettare al Governo in un’ottica di coordinamento”. Così il segretario generale Cgil Campania, Nicola Ricci, commenta il riparto dei fondi per la cassa integrazione in deroga destinati dal Governo alla regione Campania.

Coronavirus: 1242 casi in Campania e 76 vittime

Notizia Precedente

Napoli, riunione col Prefetto per le misure a sostegno dei senza tetto

Prossima Notizia


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Altro Lavoro



Ti potrebbe interessare..