Festa con brindisi domani 17 gennaio per la giornata mondiale delle pizza, prodotto enogastronomico tra i piu’ rappresentativi del made in Italy. Oggi Il comparto, orgoglio della qualita’ alimentare italiana e patrimonio Unesco con “L’Arte tradizionale del pizzaiuolo napoletano”, ha raggiunto un fatturato annuale di 15 miliardi e un movimento economico superiore ai 30 secondo dati del Centro studi Cna elaborati in collaborazione con Cna Agroalimentare (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa). Le imprese del settore coinvolte sono centotrentamila. Gli addetti a tempo pieno centomila che diventano 200 mila nei fine settimana. Il mercato sforna circa otto milioni di pizze al giorno, quasi tre miliardi in un anno. Dal report economico della Confederazione emerge nello specifico che tra il 2015 e quest’anno le imprese con attivita’ di pizzeria sono cresciute da 125.300 a 127 mila (dati aggiornati al 31 marzo scorso). A livello regionale e’ la Campania a farla da padrona in termini assoluti, con il 16% delle attivita’. La seguono, nell’ordine, Sicilia (13%), Lazio (12%), Lombardia e Puglia (10%). Dal punto di vista enogastronomico a rimanere la preferita da oltre tre quarti dei consumatori (78,8%) e’ la pizza tradizionale (marinara e margherita, napoletana o capricciosa). Al secondo posto e’ la pizza gourmet (12,1%). Il 6,2% dei clienti sceglie, o e’ costretto a scegliere per motivi sanitari le pizze speciali, biologiche o senza glutine. Infine, la pizza con gusti fai-da-te si ferma al 2,9%.

Baby-gang “giocano” lungo le strade di Napoli trasportando dei bidoni dei rifiuti lungo le strade di Capodimonte per il gusto di fare atti vandalici

Notizia Precedente

‘Sono un avvocato, suo figlio ha investito una donna’, anziana truffata nell’Avellinese

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..

Altro Cucina