I dipendenti vanno tutti in ferie quindi non resta altro da fare che chiudere uno degli uffici nevralgici del Comune, il Suap, braccio operativo del comparto Attività produttive. Il provvedimento è firmato dal direttore Elvira Cantarella, che ha disposto lo stop al lavoro per il 27 di dicembre, giorno in cui confluivano le richieste di ferie di gran parte dei 15 dipendenti del settore che si occupa anche di tutte le procedure legate al turismo, agli spettacoli e ai mercati. La dirigente ha stabilito anche che “i rientri e l’apertura al pubblico delle giornate di vigilia di Natale, 24 dicembre (martedì), e di Capodanno 31 dicembre (martedì), saranno rispettivamente anticipati al giorno 23 Dicembre (lunedì) e 30 dicembre (lunedì)”. La motivazione di questa decisione, scrive l’ingegnere Cantarella scaturisce dal fatto che “il numero sempre più esiguo di personale del Settore, talvolta una unità per ufficio, non consente alcun tipo di rotazione e anche restando in servizio alcune unità le stesse non sono in grado di dare risposte, all’utenza, su tutte le molteplici e variegate procedure incardinate al Settore”. Inoltre, “lasciare gli uffici aperti con pochissimo personale oltre ad un problema di sicurezza – chiarisce la dirigente – comporta spese di gestione non giustificate dall’affluenza dell’utenza, tanto anche alla luce dei piani di razionalizzazione della spesa pubblica”.

Link sponsorizzati
Link sponsorizzati