La mamma di Nadia Toffa ha parlato per la prima volta della figlia in un programma televisivo.Un’intervista intensa, toccante, piena di ricordi e lacrime. La mamma di Nadia Toffa a “Domenica Live” ricorda con orgoglio e commozione la figlia scomparsa a 40 anni lo scorso agosto. “Attraverso la malattia aveva capito che bisognava accettare comunque il proprio destino, continuare a vivere, combattere, affidarsi. Il dono era che era cambiata dentro, aveva capito quanto è importante vivere e voler bene”, racconta Margherita Rebuffoni che parla degli ultimi tempi che hanno visto il loro rapporto cementarsi ancora di più. La donna ha deciso di devolvere interamente i ricavati del libro di Nadia, “Non fate i bravi”, alla ricerca per aiutare le persone malate della Terra dei fuochi, scegliando di portare avanti la battaglia della figlia strappata alla vita dal tumore al cervello.

“Sono stata sempre con lei, notte e giorno, non l’ho mai lasciata. Avevo paura a lasciarla, lei voleva solo me”, spiega a Barbara d’Urso la signora Margherita che tra le lacrime aggiunge: “Aveva una forza inimmaginabile, era lei che sosteneva me, non il contrario. Sapeva quello che aveva ma ha sorriso fino all’ultimo giorno”. Mesi dolorosi e intensi in cui la giornalista de “Le Iene” “era piena di energia” nonostante la malattia. E per tenere vivo il ricordo di Nadia la signora Margherita ha deciso di pubblicare il libro “Non fate i bravi”, che racchiude i pensieri di Nadia degli ultimi mesi e i cui proventi saranno donati alla ricerca per aiutare le persone malate della Terra dei fuochi. E tra i tanti messaggi che l’ex conduttrice e inviata ha lasciato in eredità ce n’è uno che la mamma ricorda più di altri: “Non conta quanto vivi ma come vivi”.

 

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati