Bimbi falciati dal Suv: sempre grave il piccole Simone

Versa sempre in gravissime condizioni, in pericolo di vita, il piccolo Simone, il bambino di 11 anni, falciato sull’uscio di casa a Vittoria (Ragusa) da un suv, insieme con il cuginetto Alessio, di 12 anni, morto sul colpo. Il piccolo è ricoverato a Messina dove è stato sottoposto a un difficile intervento chirurgico. Al bambino sono state amputate entrambe le gambe. “Purtroppo non abbiamo potuto salvargli le gambe che sono state tranciate nelll’incidente”, ha detto ieri direttrice dell’unità operativa di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina Eloisa Gitto subito dopo l’operazione. Hanno assistito alla tragica morte dei figlio. Il Suv e’ piombato su Alessio D’Antonio, morto nell’impatto, e sul cuginetto ricoverato in fin di vita al Policlinico di Messina, davanti agli occhi dei genitori affacciati dalla palazzina di Vittoria, del tutto impotenti. “L’abbiamo visto piombare con l’auto e ce lo ha portato via. L’ho visto morire, non ho potuto fare nulla”, dice distrutto nella camera mortuaria, il padre della piccola vittima, Alessandro D’Antonio. “Mio figlio era un bambino felice e pieno di passioni aggiunge. Non perdono l’assassino… che stia per sempre in galera”. E la madre racconta le fasi drammatiche degli eventi e le sovviene un particolare: “Volevo chiamare i soccorsi, cercavo un telefonino e l’ho strappato dalle mani di un uomo che passava, solo dopo ho saputo che era l’assassino di mio figlio”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati