Napoli. Il 17 giugno a partire dalle ore 9 .00 presidio dei lavoratori della vigilanza privata impiegate presso l’Asl Napoli 1 sotto il palazzo della Regione Campania a Santa Lucia indetto da Cigl, Cisl e Uil e “benedetto” dall’Associazione nazionale guardie particolari giurate del leader Giuseppe Alviti.
“Essendo fortemente preoccupati che la scelta dei vincitori basata al massimo ribasso cosi come deciso e a cura della Soresa possa seriamente compromettere i diritti acquisiti delle guardie impegnati sui siti Asl e far perdere anche posti di lavoro richiedendo un presto incontro chiarificatorio e tardando ad arrivare risposte” le sigle sindacali della triplice hanno indetto tale raduno previo la procedura di raffreddamento che prevede ancora in mancanza di risposte uno sciopero dell ‘ intero settore.
A tal riguardo si è espresso anche il leader dell’associazione nazionale guardie particolari giurate, il sindacalista napoletano Giuseppe Alviti congiuntamente all’ avvocato Penalista Arnaldo Gadola responsabile nazionale legale Agpg, richiedendo immediatamente l’annullamento della gara sul presupposto del massimo ribasso “poiché in tal caso pagheranno i lavoratori sulla loro pelle in questa macelleria sociale chiamata vigilanza privata. Cgil, Cisl e Uil hanno messo in atto una efficace barriera di sicurezza per tutelare le guardie particolari giurate interessate nel prossimo passaggio di cantiere dell’Asl Napoli 1 e non solo”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati