foto di repertorio


Ferdinando Varlese, l’imprenditore arrestato nell’ambito dell’inchiesta sulle infiltrazione della camorra nei cantieri del ponte Morandi, si stava riorganizzando con i figli per rimettere insieme una nuova società dopo l’ interdittiva antimafia. Varlese ne parla prima con la figlia: “…ora adesso sistemiamo questa cosa…poi ci prendiamo un caffè…ragioniamo un attimo …allora prendi e gestisci tu…gestisci tu…attraverso…per esempio che ti devo dire…Ramona…staa.. .Eleonora…ee…sto cugino di Eleonora…e si va avanti…io ci sono sempre…” Poi parla con il figlio: “…stiamo cercando di mettere un pò queste cose a posto qua e di rinnovare tutto come siamo rimasti d’accordo…”…”…vediamo di fare tutto ex novo ha capito o no…diciamo…con Marco amministratore nuovo”… “mo cerchiamo di andare avanti poi fammi mettere a posto un pò le situazioni perché anche qua diciamo magari devo mettere ancora altre situazioni pure a posto…ha capito com’é…poi ti faccio sapere…poi ti ho detto facciamo una società nuova eee..iniziamo ok?”. L’imprenditore è legato al clan D’Amico in lotta con il clan Rinaldi per il controllo del Rione Villa. Dopo l’interdittiva antimafia ricevuta dal prefetto di Genova, Ferdinando Varlese, l’imprenditore arrestato nell’ambito dell’inchiesta nata dopo i controlli antimafia sui cantieri del ponte Morandi, stava formando una nuova compagine sociale per continuare a lavorare nello stesso settore. La nuova società sarebbe stata intestata a parenti e persone fidate. Secondo gli investigatori, Consiglia Marigliano (consuocera di Varlese, ai domiciliari), era un “cosciente schermo” delle attività dell’uomo, era consapevole di fare da prestanome. Dopo i controlli amministrativi, la procura aveva anche aperto una inchiesta per estorsione nei confronti sempre di Varlese. L’indagine era finalizzata a capire se lo stesso avesse fatto pressioni alla Omini, la ditta appaltatrice capofila degli appaltatori, per ottenere i lavori. Dall’inchiesta non sono emerse pressioni e la procura ha chiesto l’archiviazione.

LEGGI ANCHE  Ischia, controlli sulle affittanze abusive: 30 denunce

L’effettivo amministratore della ‘Tecnodem srl’ di Napoli, l’impresa impegnata nella ricostruzione del ponte Morandi, arrestato oggi dalla Dia nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Dda di Genovaera già stato condannato per associazione a delinquere ed estorsione tentata in concorso. In quel procedimento erano coinvolti affiliati al clan Misso-Mazzarella-Sarno, appartenenti all’organizzazione camorrista ‘Nuova Famiglia’, con l’aggravante di aver commesso il fatto con modalità mafiose. In un altro procedimento sarebbero emersi rapporti dell’amministratore arrestato, residente a Rapallo, con il clan camorristico D’Amico, a cui risulta legato da stretti rapporti di parentela. Le indagini, delegate dalla Dda della procura di Genova al locale Centro operativo Dia, procedendo sin dall’inizio dei lavori di demolizione parallelamente agli accertamenti amministrativi, hanno consentito – si legge in una nota della Dia – di raccogliere “prove sull’operato dei due arrestati che, agendo in concorso tra loro e previo accordo, al fine di eludere le norme in materia di misure di prevenzione patrimoniali, hanno attribuito fittiziamente alla donna la titolarità formale della ‘Tecnodem Srl’, quale unica socia, amministratrice e rappresentante, mantenendo invece in capo all’uomo la titolarità effettiva della stessa”. E’ stata contestata dalla procura distrettuale di Genova e riconosciuta dal gip “la circostanza aggravante di aver commesso il fatto per agevolare il clan camorristico D’Amico del Rione Villa di Napoli”. Le indagini sono partite sin dall’inizio dei lavori di demolizione del Morandi, parallelamente agli accertamenti amministrativi, consentendo di raccogliere prove sull’operato dei due arrestati di oggi che, agendo in concorso tra loro e previo accordo, per eludere le norme in materia di misure di prevenzione patrimoniali hanno attribuito fittiziamente alla donna la titolarità formale della Tecnodem Srl come unica socia, amministratrice e rappresentante, e mantenendo invece in capo all uomo la titolarità effettiva, integrando così il reato di trasferimento fraudolento di valori. E’ stata contestata dalla Procura Distrettuale di Genova e riconosciuta dal gip la circostanza aggravante di aver commesso il fatto per agevolare il clan camorristico ‘D’Amico’ del Rione Villa di Napoli. Dalle indagini è emerso il disegno studiato dai due che prevedeva quindi la donna come ‘cosciente schermo’ delle attività dell’uomo. Dopo che la società era stata estromessa dal subappalto inerente i lavori di demolizione del ponte Morandi si era già attivato per formare quanto prima una nuova società composta da congiunti o persone fidate per continuare a proporsi nello stesso settore.




Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Concorso EAV, Comitato vincitori e idonei: ‘Vogliono risposte sulle assunzioni!’

320 diplomati e 30 laureati, ancora in attesa di risposte dall’ente, sulle assunzioni ancora non effettuate
Leggi tutto

‘La vita sul palco’, rubrica di Antonello De Rosa

La rubrica è ideata dal giornalista Antonio Di Giovanni per la sua trasmissione, “La grande bellezza, Non Solo Portici”
Leggi tutto

Campania: 1.123.459 vaccini, 300mila anche con seconda dose

Il totale delle somministrazioni ammonta a 1.123.459. I dati sono aggiornati alle 12 di oggi.
Leggi tutto

Napoli, pistola e droga sequestrate nella zona Mercato

Gli agenti hanno sequestrato pistola e droga nella zona Mercato durante un servizio di controllo
Leggi tutto

Gli Usa sospendono la somministrazione di J&J per timore trombi

Gli Stati Uniti hanno deciso di sospendere l'uso del vaccino Johnson&Johnson per timore di trombi dopo 6 casi.
Leggi tutto

Frodi carburanti: gli arrestati gestivano un bene confiscato ai clan

Raffale Diana, attraverso figli e cognati, gestiva alcuni lotti di un importante bene confiscato alla mafia casalese
Leggi tutto

Napoli, interrotte due feste: sanzionate 30 persone

Ai Decumani festeggiano il compleanno in strada. Sanzionate 15 persone. In via Luigi Settembrini interrotta festa in un’abitazione.
Leggi tutto

Napoli, circa 800 Kg di rame recuperato e oltre 1 tonnellata di batterie esaurite

Operazione “ORO ROSSO” Campania: controlli straordinari della Polizia di Stato contro il fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario
Leggi tutto

Sovraffollamento Carceri: problema non è solo quanti sono ma anche che cosa fanno

Un recentissimo rapporto del Consiglio di Europa indica che le carceri italiane sono le più sovraffollate dell’Unione Europea.
Leggi tutto

Napoli, il boom dei Femminicidi: da Alessandra Madonna ad Ornella Pinto

Giovedì ore 15.30 al Suor Orsola "L'emergenza pedagogica della violenza di genere" - In occasione della cerimonia di consegna delle...
Leggi tutto

Muore per un malore in Circum: treni fermi a Torre del Greco

Binario unico lungo la tratta Torre Annunziata e Torre del Greco. Istituito un servizio navetta bus
Leggi tutto

Napoli, piazza Pepe invasa da immondizia e topi

Il cuore di Napoli come le periferie sudamericane. Borrelli: “Allucinante, è lo specchio della situazione in città"
Leggi tutto

Controlli covid a Castellammare: bar chiuso e 9 sanzionati

Operazione dei carabinieri. Un bar chiuso per 5 giorni perché all’interno del locale sono stati trovati alcuni clienti che consumavano...
Leggi tutto

Il palazzetto dello Sport di Pozzuoli diventa hub vaccinale

Raggiunto l'accordo tra l'amministrazione comunale e l'Asl Napoli 2 Nord
Leggi tutto

‘I bagnanti’ di Rocco Anelli, una piccola galleria di opere d’arte

“Un romanzo involontario, scritto dagli stessi personaggi che racconta”
Leggi tutto

Monet, il nuovo singolo di Plug feat. Lele Blade

Tra i rapper più promettenti della scena campana, Plug ha solo 14 anni
Leggi tutto

Finto invalido su sedia a rotelle, è stato ripreso mentre scendeva dal furgone

Aveva ottenuto l'invalidità civile al 100% con totale e permanente inabilità lavorativa e necessità di assistenza continua
Leggi tutto

A1 in tilt nel Casertano, chilometri di coda per marcia dei mercatali

I mercatali, così come annunciato, si sono messi in marcia verso Roma per l’incontro al Mise
Leggi tutto

Contrabbando di sigarette e alcol: 7 arresti

L'operazione della Guardia di Finanza in provincia di Foggia e a Napoli. Il gruppo trafficava anche cocaina. Indagate altre 15...
Leggi tutto

Esami gratis in ospedale Caserta, processo per Zinzi e altri trenta

Il Gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha rinviato a giudizio gli imputati accusati di peculato d'uso
Leggi tutto

Altro Cronaca


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..